Il graffio del gattino / “Dùe millimétre de veritò”: il libro di De Ceglia in versi

Il Graffio del Gattino / Rubriche // Scritto da Nicola Ambrosino // 28 giugno 2014

Il graffio del gattino / “Dùe millimétre de veritò”: il libro di De Ceglia in versi


Il graffio del gattino depone le armi della satira per un giorno e si lascia ispirare dalla bella Musa.

Il nuovo componimento di Nicola Ambrosino è una poesia dialettale ispirata dal bel libro di racconti del giornalista biscegliese Luca De Ceglia, che Ambrosino consiglia a tutti i lettori delle sue poesie e satire di leggere, assaporandone le evidenti verità; i profumi e gli umori delle nostre terre del Sud e altre piacevoli sorprese, nate dalla capacità letteraria di un cronista dell’Anima, quale il De Ceglia. (Grazia Pia Attolini)

Chèssa stórie in veritò…
parle de mala sanitò…
chè te déce, na bella dé:
“Inde a picche tu sia ‘mbré!”
Stà netizzie, cóme a ne sckènde,
fórte u córe dò t’auènde;
e da chèra brutta dé…
nan te fòce chiù dermé!
Péinze a chère chè si fatte;
nan zè próprie a dò scé a sbatte;
a megghìérete u vù déce;
e ce u sapéne l’améce?
Pe ognè ìune te vou sfequò…
ma nan poute tu parlò:
vè derliènne sìule sìule…;
fà dùe passe o Palazzìule.
Te arrevógghie còpe e córe,
u penzéire du “Tumóre”;
peìnze a tòtte re scernéite…
dalla dé che tu sì néite.
Ma pó passe la paghìure…
‘na netizzie alla sgreddìure,
léisce saupe a na cartélle,
che t’arrizze carne e pélle.
“La notizia, per errore,
data a Lei, per un tumore,
è sicuro, è un mero sbaglio,
ci scusiamo per l’abbaglio!”.
“La cancren, diagnosticata,
era a un altro indirizzata;
le auguriam cordialità…
…la sua attenta Sanità!”.
Addevénde arrète biènghe;
ce me pòghe u malesènghe?
E u crestiéine, che l’òve avìute?
Mó a specciòte…inde o tavìute!

Bisceglie, 28 giugno 2014
(Tutti i diritti riservati)




Il Graffio del Gattino / Rubriche // Scritto da Nicola Ambrosino // 28 giugno 2014