IL GIP MOTIVA I DOMICILIARI PER LA MAESTRA: «PERICOLOSA SOCIALMENTE»

Cronaca // Scritto da Vito Troilo // 9 aprile 2014

IL GIP MOTIVA I DOMICILIARI PER LA MAESTRA: «PERICOLOSA SOCIALMENTE»


Il plesso scolastico di Carrara Gioa

Il plesso scolastico di Carrara Gioa

«Indifferente alle sofferenze e alle invocazioni dei bambini»


«Una personalità fortemente deviante, con spiccata vocazione criminogena e contraddistinta da un intenso grado di pericolosità sociale»
. Sono alcune delle parole che Angela Schiralli, Gip del tribunale di Trani, ha utilizzato per descrivere la maestra Luigina, 60 anni, fermata giovedì 3 aprile con l’accusa di maltrattamenti sui bambini della scuola d’infanzia del plesso Carrara Gioia.

Lunedì si è svolta l’udienza di convalida del provvedimento cautelativo da cui è scaturita la conferma degli arresti domiciliari per l’insegnante di origine calabrese. La maestra «rimaneva indifferente alle sofferenze e alle invocazioni di bambini di tre anni d’età» è scritto nell’ordinanza, che motiva la decisione di mantenere la donna sotto sorveglianza «per il pericolo dei reiterazione del reato, ovvero che possa mettere ulteriormente a repentaglio l’incolumità psico-fisica dei bambini».

Le indagini proseguono con la finalità di ricostruire per filo e per segno quale fosse l’esatto contesto in cui la donna agito, a quanto pare nella totale insaputa di colleghe, bidelli e dirigente scolastico. Il procuratore aggiunto di Trani Francesco Giannella, titolare dell’inchiesta, vuole vederci chiaro.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Cronaca // Scritto da Vito Troilo // 9 aprile 2014
  • Provo ad immaginare la difesa del legale …….
    “Incapace di intendere e volere”….attenuanti del caso e tutto è finito.
    La rimandano da dove è venuta, un paio d’anni di assistenza sociale e poi a godersi la pensione………

    Questo è il nostro paese e la nostra legge.

    NON E’ GIUSTO!!!!!!!!