IL CHITARRISTA BISCEGLIESE NANDO DI MODUGNO CONQUISTA GLI USA

Cultura / Eventi // Scritto da Serena Ferrara // 1 febbraio 2014

IL CHITARRISTA BISCEGLIESE NANDO DI MODUGNO CONQUISTA GLI USA


Il chitarrista Nando Di Modugno

Il chitarrista Nando Di Modugno

Il prossimo 26 marzo si esibirà anche a Bisceglie con il  Dario Skèpisi Group

Nando di Modugno. Per pochi concittadini questo nome rappresenta una delle punte di diamante della Bisceglie culturale. Eppure il maestro, concertista classico e jazz, docente presso il Conservatorio “Nino Rota di Bari”, è un nome di punta del chitarrismo internazionale.

Il 28 dicembre, ad esempio, è stato tra i protagonisti di una delle più apprezzate messe in scena del Teatro Petruzzelli,  il racconto sinfonico per quattro voci, voce recitante ed orchestra, su versi di Eduardo De Filippo e musiche di Nicola Piovani, “Padre Cicogna”,  trasmesso su Rai 1.

Sul podio dell’Orchestra del Teatro Petruzzelli, è stato diretto dal maestro Nicola Piovani,  con cui collabora spesso e volentieri.

In questi giorni, il m° Di Modugno è approdato negli USA per alcuni concerti e un’attesa masterclass che vedrà protagonisti gli alunni di oltreoceano. Dopo alcune lezioni tenute per la classe di chitarra della Montana State University,  si è esibito in due concerti con la Bozeman Symphony Orchestra.

Nei prossimi giorni  (8 e 9 febbraio) si unirà alla Wyoming Symphony Orchestra per una doppia tappa di esibizioni live tra le città di Casper e Lander, nello stato di Wyoming. In programma,  alcune rielaborazioni tratte dal mozartiano “Le nozze di Figaro” e il primo movimento della  “Serenata per archi” di Tchaikovsky e il concerto per chitarra solista di Vivaldi. In scaletta, anche la Haffner Sinfonia Haffner di Mozart e la “Bay of Pigs” del compositore americano Michael Daugherty. Il 10 febbraio sarà invece a New York per un concerto jazz organizzato in poche battute da chi ha saputo cogliere l’occasione di un “italian guitarist” negli USA.

 Di rientro dagli USA, l’eclettico m° Di Modugno si esibirà anche a Bisceglie, in una cornice del tutto diversa da quella dei grandi palchi statunitensi. Presso il locale Auld Dublin,  il prossimo 26 marzo, sarà con il quartetto jazz brasilianeggiante Dario Skèpisi Group (Dario Skèpisi voce/chitarraFrancesco Schepisi piano; Nando Di Modugno chitarra; Poldo Sebastiani basso; Fabio Accardi batteria). Un appuntamento da non perdere, anche per i non appassionati.

nando di modugno brochureCHI E’ IL M° NANDO DI MODUGNO:

Cresciuto in un ambiente musicale (il padre ed il fratello maggiore sono musicisti), ha svolto gli studi accademici nel Conservatorio della sua citta, Bari, dove si è diplomato con lode nella classe di Linda Calsolaro già alunna di Andres Segovia. La sua formazione musicale è proseguita nel solco tracciato dall’ esempio segoviano, avendo continuato gli studi con altri illustri ex alunni del grande chitarrista spagnolo: ha seguito diverse master class con Alirio Diaz (ottenendo vari diplomi di merito) con Josè Tomas e soprattutto con Oscar Ghiglia. Con Ghiglia ha studiato anche all’ Accademia Chigiana di Siena (diploma di merito nell’ 88) e per tre anni alla Musik Akademie di Basilea dove ha conseguito il Solisten Diplom. Appassionato alla letteratura delle varie epoche storiche del suo strumento, Nando Di Modugno è anche particolarmente interessato alle diverse forme di espressione musicale contemporanea: la sua versatilità e la sua curiosità musicale gli hanno consentito di collaborare con musicisti di varia estrazione e di condividere esperienze musicali disparate in Italia e all’estero (Francia, Svizzera, Germania, Ungheria, Svezia, Australia, Grecia). Ha eseguito in prima esecuzione brani solistici (come “Solo di R. Minella e la Toccata di G. Tamborrino a lui dedicata) e d’insieme (W. Mitterer, V. Hein); ha suonato in orchestra sotto la direzione, fra gli altri, di Ennio Morricone, Daniele Gatti e di Jurg Henneberger; ha collaborato con con i Solisti Dauni e gli ensembles svizzeri Phoenix e Nouvel Ensemble Contemporain (con questi ultimi di recente ha eseguito il “Marteau sans Maitre” di P. Boulez a Neuchatel e a La Chaux-de-Fonds); suona regolarmente nell’ ensemble del compositore di musiche da film Nicola Piovani; ha collaborato con musicisti jazz quali Pierre Favre e Jay Rodriguez e con attori di teatro del calibro di Arnoldo Foà e Massimo Wertmuller; da alcuni anni ha costituito un duo con il sassofonista jazz Roberto Ottaviano con il quale condivide anche la partecipazione in gruppi più estesi. Intensa anche la sua attività discografica: le ultime incisioni lo hanno impegnato come interprete di “Platero y yo” opera del compositore fiorentino Mario Castelnuovo-Tedesco (con l’attore Rocco Capri Chiumarulo) e, come solista, nel Doppio e nel Triplo Concerto del compositore barese Raffaele Gervasio (con l’Orchestra Sinfonica di Matera e la direzione di Vito Clemente). Quest’ultima incisione ha ottenuto ottime recensioni dalla critica del settore (la rivista francese “Le monde de la Musique”, e diverse riviste musicali giapponesi). È docente di chitarra nel Conservatorio “N. Piccinni” di Bari.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Cultura / Eventi // Scritto da Serena Ferrara // 1 febbraio 2014