Il caso dei tesseramenti al PD continua a tenere banco in tv

Politica // Scritto da Vito Troilo // 9 febbraio 2016

Il caso dei tesseramenti al PD continua a tenere banco in tv

Il giornalista de “L’Espresso” Damilano cita l’accaduto durante la trasmissione de La7 “Otto e mezzo”

Ha fatto ricorso al latino, il giornalista de “L’Espresso” Marco Damilano, per rappresentare il “caso Bisceglie” nel corso di un dibattito in diretta, lunedì sera a “Otto e mezzo”, trasmissione di approfondimento politico su La7.

«Nel nostro paese vige l’antica regola delle guerre di religione del 1500 e del 1600: “Cuius regio eius religio”. Se un capobastone cambia partito, insieme cambiano partito centinaia di persone. Ultimo caso quello di Bisceglie: il sindaco Francesco Spina ha cambiato partito, è entrato nel Partito Democratico e con lui 300 persone. Visto che si parla di libertà coscienza: 300 casi singoli, 300 coscienze che cambiano opinione» ha affermato il cronista nel corso del programma condotto da Lilli Gruber, di cui erano ospiti anche il deputato del Partito Democratico (eletto in Sel) Gennaro Migliore, recentemente nominato sottosegretario alla giustizia e il direttore de “Il giornale” Alessandro Sallusti.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Politica // Scritto da Vito Troilo // 9 febbraio 2016