Il cambio di casacca, la satira soft di Pasquale Consiglio

Opinioni / Politica // Scritto da Serena Ferrara // 1 febbraio 2016

Il cambio di casacca, la satira soft di Pasquale Consiglio


La prende con leggerezza, Pasquale Consiglio, autore di gustose satire sui malcostumi italiani, la questione del tesseramento di Francesco Spina ed altre 385 persone al PD. “Il cambio di casacca è una questione di igiene personale”, ironizza Consiglio, che però, dopo la morte dei partiti propone: perché non ridurre a due – una per gli onesti, una per i disonesti – le “maglie”, lasciando che siano i cittadini ad attribuirle a chi scende in politica?

 

Quante storie per un cambio di casacca!
È sol questione d’igiene personale
Dopo vent’anni con la stessa maglia
Cambiarla è doveroso e pur normale
Meglio vestir un abito più adatto
alle funzioni che si vogliono espletare
Con quello vecchio qualcun non era attratto
s’imponeva un cambio regolare
Quante storie sulla posizione!
Destra o sinistra non vedo differenze
Punti di vista la collocazione
Meglio ancor se t’avvicini un po’ … a Firenze
Però se devo dir la mia opinione
Le casacche dovrebbero esser solo un paio
Agli onesti una colorazione
Dietro ai ladri un segnal che sono un guaio
E assegnar una o l’altra casacca
dovrebbe spettare agli elettori
Ai disonesti la maglia color cacca
agli altri, maglie con vividi colori

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Opinioni / Politica // Scritto da Serena Ferrara // 1 febbraio 2016