Il Bisceglie alla resa dei conti. Cento tifosi a Roma, in migliaia pronti a seguire il match grazie al nostro live score

Sport // Scritto da Vito Troilo // 29 marzo 2017

Il Bisceglie alla resa dei conti. Cento tifosi a Roma, in migliaia pronti a seguire il match grazie al nostro live score

Tutto sull’attesissima sfida nella tana della capolista Trastevere

Vincere la partita. Il Bisceglie lo deve a se stesso, perché le situazioni sulle quali recriminare, a prescindere dal modo in cui andrà a finire il campionato, sono già talmente tante e non avrebbe alcun senso aggiungerne un’altra. La trama psicologica della sfida di Roma col Trastevere è di una semplicità disarmante: i nerazzurri hanno l’opportunità più concreta e limpida di dimostrare la loro superiorità nei confronti dell’attuale capolista del girone H di Serie D. Lo pensano e lo sostengono, pur senza sminuire i meriti notevoli della squadra che occupa il primo posto in classifica, molti addetti ai lavori.

L’accresciuta attenzione mediatica sull’incontro di mercoledì pomeriggio dovrebbe aver garantito ai calciatori stellati la certezza di scendere in campo senza il timore di incappare in direzioni arbitrali infelici. Sarà fondamentale che questo clima di ragionevole e motivata diffidenza accompagni le restanti sei giornate, perché non sarà certo il successo ottenuto di misura sabato ai danni del Francavilla a far digerire l’ennesimo arbitraggio sfavorevole al Bisceglie.

La squadra del presidente Nicola Canonico, pur avendo segnato 51 reti in 27 gare, ha usufruito di appena tre calci di rigore a favore, la metà di quelli che il solo Tajarol ha realizzato finora. Strano, molto strano che una formazione seconda in graduatoria, abituata a entrare palla al piede nell’area avversaria e capace di crossare spesso più di dieci volte a partita abbia raccolto solo briciole. Quanto ai rigori subiti, sarebbe sufficiente ricordare quello concesso al Cynthia, all’epoca dei fatti fanalino di coda, dopo appena quattro minuti al “Gustavo Ventura” per un contatto del tutto veniale.

LE PROBABILI FORMAZIONI
Non è escluso che Ragno decida di sorprendere Gardini riguardo la scelta di uomini che potrebbero far male al Trastevere, soprattutto in mezzo al campo. Sarà importante l’approccio al match: scontato immaginare un Bisceglie col coltello fra i denti, deciso a imporre ritmi e qualità. Dubbi sull’utilizzo di Testa o Di Franco fra i pali mentre la linea difensiva sarà formata, partendo da sinistra, da Raucci, D’Aiello, Petta e Delvino. Le particolari motivazioni psicologiche potrebbero indurre il tecnico nerazzurro a scegliere Federico Cerone in mediana assieme a Diop, pur sottotono sabato ma imprescindibile sul piano tattico. Uno tra Petitti e Montinaro supporterà gli insostituibili Partipilo (pronto a far da spina nel fianco), Lattanzio e Montaldi.

Nel 4-3-3 di Gardini in porta Radaelli, Vendetti e Pasqui terzini, Pieri e Paolacci centrali; Riccucci, Mastromattei e Fatati proveranno a fare argine a centrocampo con Massella e Pagliaroli spalle dell’esperto Tajarol.

Dirigerà, perfettamente consapevole del clima di apprensione che si è creato intorno alla sfida, Alessio Clerico di Torino, assistito da Simone Amantea e Orazio Luca Donato di Milano. L’appuntamento col live score sul nostro sito è fissato per le ore 14:30, mezz’ora prima del calcio d’inizio. Nel corso della mattinata l’articolo della diretta sarà già disponibile e aggiornato con le ultimissime sulle eventuali variazioni negli assetti tattici, le immagini e le sensazioni degli oltre cento sostenitori nerazzurri che si metteranno in viaggio da Bisceglie. Un pullman di tifosi, organizzato dall’infaticabile Franco Caggianelli, partirà alla volta della capitale nel cuore della notte fra martedì e mercoledì.

 

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 29 marzo 2017