Il 9 gennaio si torna in consiglio comunale: si parlerà di igiene pubblica e mobilità sostenibile

Politica // Scritto da Serena Ferrara // 6 gennaio 2017

Il 9 gennaio si torna in consiglio comunale: si parlerà di igiene pubblica e mobilità sostenibile

Due soli punti all’ordine del giorno

Se non fosse stato per l’inderogabile punto sulla convenzione tra il comune di Trani ed il comune di Bisceglie per la partecipazione in forma associata al programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile (articolo 5 delle legge n° 221/2015), il consiglio comunale che il presidente Francesco Napoletano ha convocato per lunedì 9 gennaio avrebbe avuto un unico punto all’ordine del giorno.

Si sarebbe parlato solamente dell’argomento più caldo delle ultime settimane: l’igiene pubblica e il contratto – su cui il comune ha esercitato il diritto di recesso in autotutela a seguito di un provvedimento antimafia notificato dal prefetto di Bari – con la Camassambiente.

La ditta barese in questi giorni è impegnata in uno spettacolare tour de force per portare a termine in tutta la città la copertura del servizio di raccolta differenziata porta a porta. Procedendo a un ritmo più che incalzante, dal 23 dicembre la Camassa ha dato avvio ufficiale al servizio di raccolta domiciliare, che giunge al terzo step  in queste ore e che promette di coprire, entro la metà del mese, tutto il territorio cittadino. Più d’uno, tuttavia, il motivo di reclamo da parte dell’amministrazione comunale, che ha da prendere una decisione in merito alle opportunità di subentro di un nuovo gestore.

Quanto alla convenzione con il comune di Trani, che l’amministrazione Bottaro approverà contemporaneamente in consiglio comunale il 9 gennaio, l’idea è quella di partecipare congiuntamente al bando emesso dal ministero delle infrastrutture e dei trasporti relativo al programma sperimentale nazionale di mobilità sostenibile casa-scuola e casa-lavoro. Il programma, applicabile ad un ambito territoriale con popolazione superiore a 100 mila abitanti, dispone il cofinanziamento da parte del ministero (tetto massimo dell’importo cofinanziabile, il 60%), di progetti diretti ad incentivare iniziative di mobilità sostenibile (piedibus, carpooling, carsharing…) e percorsi protetti per gli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro. In considerazione del requisito territoriale, i due comuni hanno inteso procedere insieme alla richiesta di finanziamento.

Il consiglio comunale si riunirà alle ore 17:30 nell’auditorium ex monastero di Santa Croce. Seconda convocazione, in assenza del numero legale, prevista per la stessa ora del giorno successivo, martedì 10 gennaio.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Politica // Scritto da Serena Ferrara // 6 gennaio 2017