“I RI…PROMESSI SPOSI” CONQUISTANO L’I.I.S. DELL’OLIO

Cultura // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 13 aprile 2014

“I RI…PROMESSI SPOSI” CONQUISTANO L’I.I.S. DELL’OLIO


Sul palco Marilisa Protomastro, Sabino Di Tullio e Loris Losciale

Sul palco Marilisa Protomastro, Sabino Di Tullio e Loris Losciale

Manzoni in chiave moderna? Si può fare. Ci hanno provato i migliori sceneggiati anni ’60 o il famoso Trio Solenghi-Marchesini-Lopez vent’anni dopo, riscuotendo grandi consensi e passando alla storia della televisione italiana, ma riproporre la più grande opera manzoniana aprendo i drappi rossi del palcoscenico teatrale non è da sempre impresa per tutti.

Ha voluto provarci la Compagnia dei Teatranti di Bisceglie con lo spettacolo – parodia dal titolo “I Ri…Promessi sposi“, andato in scena presso l’Auditorium dell’Istituto di Istruzione Superiore Giacinto Dell’Olio, intitolato a Don Tonino Bello, ed il risultato è stato eccezionale.

La Monaca di Monza

La Monaca di Monza

La Compagnia ha allietato con due atti in salsa comico-musicale gli alunni e gli insegnanti accorsi per l’occasione, mostrando quanto possa essere semplice spiegare uno dei più grandi e complessi, in termini di analisi del testo, romanzi italiani.

Il regista Enzo Matichecchia ha stravolto nel soggetto dello spettacolo i vizi e le virtù dei protagonisti: Renzo e Lucia ormai non più giovani che non riescono ancora a sposarsi, Don Abbondio abbagliato dal mondo dello star system, la Monaca di Monza tutta pepe e molto eccentrica, Fra Cristoforo che si adatta alle manie dei giovani in modo alternativo e l’Avvocato Azzecca-garbugli che fa del non sense la sua arma migliore. Tanta ilarità, infine, ha suscitato il personaggio di Esperanza D’escobar, nome particolarmente ambiguo ma d’impatto per il pubblico, inserita come personaggio extra nella storia.

Con il contributo della Federazione Italiana Teatro Amatori, la Compagnia ha centrato in pieno l’obiettivo di stravolgere, ma senza distorcerne morali e fonti manzoniane, l’opera più rappresentativa del Risorgimento e del Romanticismo Italiano, riuscendo ad essere gradevole e più pungente della banale satira.

A merito del grande riscontro ottenuto nelle tappe delle città limitrofe, la Compagnia ha già conseguito importanti riconoscimenti nelle prestigiose rassegne teatrali regionali.

Chi è Bartolomeo Pasquale

Bartolomeo Pasquale nasce a Molfetta il 15 Gennaio 1987. All'età di dodici anni vince il premio speciale alla seconda edizione del premio scolastico "Vincenzo Fata" con il video-report dal titolo "Bisceglie in dieci minuti". Redattore per Bisceglie in diretta dal 2008, è stato presentatore per programmi radiofonici, spettacoli e contest, conseguendo il titolo di giornalista pubblicista nel 2010. Laureato in Giurisprudenza con tesi in Diritto del Lavoro presso l'Università degli Studi di Bari, è praticante avvocato dal Novembre 2012.




Cultura // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 13 aprile 2014