I CANDIDATI SPARANO LE LORO ULTIME CARTUCCE

Politica // Scritto da Michelangelo Tarricone // 17 febbraio 2013

I CANDIDATI SPARANO LE LORO ULTIME CARTUCCE


premierE’ iniziato il conto alla rovescia. Ormai siamo agli sgoccioli di una campagna elettorale e i candidati sparano le loro ultime cartucce e le ultime promesse per un posto in Parlamento. Vi siete mai domandati perché la gente è distante dalla politica? Facile, perché in ogni consultazione elettorale le promesse sono all’ordine del giorno.

Sarebbe alquanto strano se i candidati non ne facessero, quando invece occorre dimostrare soprattutto, in questo momento, grande serietà. Ma questo francamente non è mai avvenuto nella storia della Repubblica Italiana. Per fortuna molti hanno capito che fare politica significa “occuparsi direttamente della propria condizione”. E questo accade felicemente lontano dai partiti.

I programmi cosa sono se non un elenco ben costruito di buone intenzioni e progetti che difficilmente potranno essere realizzati? Se non altro per mancanza di tempo. Come dice il proverbio, la strada che porta all’inferno è lastricata di buone intenzioni! In un periodo in cui non si parla più dell’inferno e, purtroppo, neppure del paradiso, le buone intenzioni si affacciano nelle promesse elettorali. Guardando allo scenario attuale, penso che tanti ormai abbiano capito queste furbizie da quattro soldi. Non ci cascano e non ci credono.

E’ anche vero che in un’epoca di confusione come la nostra, dove ogni giorno qualcuno pensa di aver trovato la soluzione giusta, ci sia chi crede ancora alle promesse come l’ultimo salvagente cui aggrapparsi. “La voce delle sirene, si sa, è sempre lì a tentarci” e non tutti hanno la forza di Ulisse per rimanere legati all’albero della nave senza cedere alle lusinghe.

Forse bisognerebbe fare come i compagni di avventura cui Ulisse mise della cera nelle orecchie per non sentire la voce delle sirene: continuarono a remare veloci per uscire in fretta dal pericolo. Nei dibattiti politici in Tv, tutto è molto più facile e le promesse si possono vendere a buon mercato. Ma gli eccessi non hanno mai portato da nessuna parte.

Le idee, quelle vere, non i deliri, camminano sulle gambe degli uomini; quelli onesti, però!




Politica // Scritto da Michelangelo Tarricone // 17 febbraio 2013