GARGANUS-SANTOS CLUB 9-2. Il sogno promozione dei gialloblu svanisce a Monte Sant’Angelo

Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 4 maggio 2015

GARGANUS-SANTOS CLUB 9-2. Il sogno promozione dei gialloblu svanisce a Monte Sant’Angelo


Grande amarezza per il team di mister Tritto, autore comunque di un’annata molto positiva

Garganus-Santos Club 9-2

Garganus: D’Errico, Gentile, Altavilla, Ortuso, Simone, Mazzamurro, D. Totaro, Trotta, Rinaldi, M. Totaro, Starace. Allenatore: Matteo Ciliberti.
Santos Club: Di Pilato, Formicola, Uva, G. Di Benedetto, D’Elia, La Notte, S. Di Benedetto, Muggeo, Lamanuzzi, Pastore, Giu. D’Addato, Ippati. Allenatore: Francesco Tritto.
Arbitri: De Candia di Molfetta, Schiavulli di Foggia.
Reti: 4° Simone, 15° La Notte, 16° Gentile, 20° e 27° Simone, 40° G. Di Benedetto, 42° M. Totaro, 46° e 50° Ortuso, 57° Altavilla, 60° Ortuso.
Note: spettatori 200. Ammoniti: Muggeo, Pastore, Altavilla, Lamanuzzi. Al 56° Di Pilato respinge tiro libero a Damiano Totaro; al 58° Michele Totaro calcia alto un tiro libero.

La stagione 2014/15 del Santos Club si conclude a Monte Sant’Angelo: nel match valevole per il 2° ed ultimo turno della fase di qualificazione ai playoff, i gialloblu vengono sconfitti 9-2 dalla formazione locale del Garganus. Svaniscono sul più bello, dunque, i sogni di gloria dell’ambizioso team biscegliese, autore comunque di un’annata da protagonista al suo primo anno in Serie C2.

Nel gremito palasport della città montanara, dunque, si affrontano Garganus e Santos Club: i locali, che possono contare del sostegno dei loro calorosi supporters grazie al 2° posto maturato in regular season, vogliono continuare la lunga striscia di risultati utili (nessuna sconfitta nel 2015); il Santos Club, invece, matricola autrice di un campionato sorprendente chiuso al 3° posto, vuole continuare a sognare la promozione in C1.

Il quintetto iniziale dei gialloblu (in tenuta nerazzurra per l’occasione) è affidato a Di Pilato, Formicola, Uva, Gianluca Di Benedetto, D’Elia; il Garganus risponde con D’Errico, Gentile, Altavilla, Ortuso e Simone.
Le due formazioni si affrontano subito a viso aperto, ma sono i padroni di casa a sbloccare il match: al 4° Ortuso vince un contrasto sulla banda sinistra e pesca al centro dell’area il pivot Simone che insacca da pochi passi.

Il Santos Club non resta a guardare e si affaccia dalle parti dell’estremo D’Errico con i tentativi dei vari Formicola, Gianluca Di Benedetto e D’Elia. Al 12° il Garganus si riaffaccia dalle parti di Di Pilato con due tentativi di Simone, ma l’estremo gialloblu respinge ottimamente la minaccia.

Al 12° il Santos Club sfiora il pari con Gianni D’Elia, ma il suo diagonale si stampa sul palo. Pareggio che arriva tre minuti dopo quando Angelo La Notte ruba palla a centrocampo, s’invola verso l’area avversaria e lascia partire una potente conclusione a fil di palo: 1-1.
Neanche il tempo di esultare e il Garganus passa nuovamente in vantaggio: calcio d’inizio, azione rapida sulla banda sinistra e il centrale Gentile porta i suoi sul 2-1. Una mazzata terribile a livello psicologico per i ragazzi di mister Tritto che, da quel momento, faticheranno a rientrare in partita.

Al 20°, infatti, i locali si portano sul 3-1, con un’azione che nasce sempre sull’asse sinistro: assist di capitan Ortuso per Simone che con un preciso diagonale infila alle spalle di Di Pilato. I minuti passano, il Santos Club prova ad insidiare l’area avversaria, mentre il Garganus è sempre pericoloso nelle ripartenze, soprattutto con i due uomini di maggiore qualità, ovvero Ortuso e Simone.

Così, i gialloblu non trovano il guizzo giusto in area avversaria e il Garganus, spinto dal pubblico amico, mette a segno la rete del 4-1: lancio di Gentile dalla difesa che pesca in area il pivot Simone che con un colpo di testa anticipa in uscita l’estremo difensore biscegliese.
Mister Tritto continua a ricorrere alle forze fresche dalla panchina e allo scadere della prima frazione il neo entrato Simone Di Benedetto costringe D’Errico ad una parata provvidenziale.

Ad inizio ripresa il Santos Club si riversa completamente nella metà campo avversaria, ma pecca in lucidità sotto porta; al contrario, la prima vera occasione del 2° tempo capita al Garganus che al 38° colpisce la traversa con un tiro a volo di Altavilla, servito direttamente dall’estremo D’Errico.

Al 40° Gianluca Di Benedetto riaccende la speranza mettendo a segno la rete del 4-2 con un preciso diagonale dalla sinistra ma, come nel primo tempo, il Santos Club subisce gol nei secondi successivi: sugli sviluppi di un corner, Michele Totaro infila la rete del 5-2. Mister Tritto inserisce Pastore che riesce a creare qualche grattacapo alla difesa locale, costringendo anche l’estremo D’Errico ad un intervento provvidenziale.

Al 46° arriva la rete che chiuderà virtualmente il match: capitan Ortuso, ben servito da Rinaldi, mette a segno il 6-2. A meno di un quarto d’ora dalla fine, dunque, il Santos Club si gioca il tutto per tutto con la carta del 5° uomo di movimento affidata a capitan Lamanuzzi: un forcing che non porta gli effetti sperati e che spalanca la vittoria alla formazione di mister Ciliberti. Al 50°, infatti, un giocatore biscegliese perde palla e ancora Ortuso approfitta dalla porta spalancata per depositare dalla distanza la rete del 7-2.

Da ogni pallone perso nella metà campo avversaria nascono i pericoli che andranno ad ingigantire il pesante passivo finale: è in occasioni come queste che il Garganus colpirà anche due legni con Rinaldi e Altavilla. Continua a piovere sul bagnato: il Santos Club esaurisce il bonus falli e il Garganus usufruisce di due tiri liberi calciati da Damiano e Michele Totaro: il primo viene respinto da Di Pilato, l’altro viene calciato alto. Nel mezzo la rete dell’8-2 firmata dal laterale Altavilla. Nel finale reazione d’orgoglio dei biscegliesi che costringono ad una provvidenziale parata D’Errico su una potente conclusione di Muggeo.
Allo scadere, al termine dell’ennesima manovra offensiva gialloblu che ha continuato a cercare la superiorità numerica con il portiere di movimento, l’estremo avversario D’Errico recupera palla e calcia verso la porta avversaria: in area, tutto solo, c’è Ortuso che insacca con un colpo di testa facile facile.

Arriva così il triplice fischio finale che dà il via alla grande festa dei padroni di casa. Grande amarezza, invece, per il Santos Club, formazione che merita tanti applausi per il cammino da protagonista vissuto a pochi mesi dalla nascita del club: partito da zero in estate, l’affiatato gruppo gialloblu è stato autore di un’annata al di sopra di ogni aspettativa. Segno che bisognerà continuare su questa strada.

Nicola Colangelo

Chi è Nicola Colangelo

Redattore sportivo, ha iniziato la sua collaborazione con Bisceglie in diretta a partire da ottobre 2012. Attualmente è impegnato negli studi universitari con il corso di laurea in Scienze della comunicazione.




Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 4 maggio 2015