Galantino rimbrotta Naglieri: «Ma è lui il segretario del PD?»

Politica // Scritto da La Redazione // 5 dicembre 2015

Galantino rimbrotta Naglieri: «Ma è lui il segretario del PD?»


Secondo il componente dell’esecutivo provinciale PD il vicesegretario «si è precipitato ad alzare steccati ideologici» nei confronti di Spina

Nota molto polemica di Tommaso Galantino, componente dell’esecutivo provinciale del Partito Democratico e notoriamente vicino al consigliere regionale Ruggiero Mennea, nei confronti di Gianni Naglieri che in un recente comunicato (link all’articolo) ha stigmatizzato il comportamento del sindaco Francesco Spina in consiglio comunale.

«Siamo alle solite. Proprio ci mancavano. Il nostro vicesegretario Gianni Naglieri, X-MEN di ultima generazione, con le sue ultime esternazioni e picconate, si è precipitato ad alzare steccati “ideologici”, non considerando che i nostri più temibili avversari sono al momento il partito di Grillo e, come ha dichiarato qualche giorno fa lo stesso Bersani, la destra e la Lega di Salvini.

Non si capisce a quale titolo parli il nostro vicesegratario, se a titolo personale o in nome del circolo PD o addirittura della segreteria provinciale. Per porsi all’attenzione dell’opinione pubblica, il Nostro torna su un argomento, trito e ritrito, che pare stia ossessionando oltre misura la dirigenza locale del Partito Democratico. Ha definito “Mitiko” il sindaco Spina: lui, però, si manifesta come un “mitomane”. Viene proprio da pensare che “ognun del proprio cor l’altrui misura”.

Certo che l’egocentrico vicesegretario, ombelico del PD locale, ha un concetto assai strano dell’amicizia. Le “relazioni binarie transitive” (che significa?) sono solo nella mente del nostro. L’amicizia non può essere intesa nella maniera da lui descritta. Guai se lo fosse! Al posto di Naglieri, che ancora una volta si picca di erigersi a giudice morale dei comportamenti altrui e ad impartire lezioni, io mi sarei preoccupato di analizzare lo stato del partito a Bisceglie e dei risultati raggiunti negli ultimi dieci anni che pur essendo negativi hanno prodotto posizioni di prestigio solo per alcuni. Da buon cattolico mi viene da dire: “chi è senza peccato…” 

Non so quale sia la preoccupazione del nostro, se teme di perdere posizioni nel partito o che si venga a formare all’interno dello stesso un nuovo assetto. Beh, considerato il fallimento elettorale, almeno sul piano amministrativo, degli ultimi anni, c’è da augurarselo. La segretaria tace. Che pensare? Che forse chi tace accosente e che Naglieri sia il segretario “di fatto” del PD, pro-tempore»




Politica // Scritto da La Redazione // 5 dicembre 2015