FUTSAL DONNE: IL PERFETTO (O QUASI) 2013 DELL’ARCADIA

Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 8 gennaio 2014

FUTSAL DONNE: IL PERFETTO (O QUASI) 2013 DELL’ARCADIA


Arcadia Bisceglie (Foto: Alessandra Papagni)

Arcadia Bisceglie (Foto: Alessandra Papagni)

Quello appena terminato è stato un anno molto importante per l’Arcadia Bisceglie, compagine di calcio a 5 femminile. Chiuso in netta crescita il campionato 2012-2013, il team rossonero ha ripreso il proprio cammino da dove aveva lasciato, fino ad arrivare all’attuale primato in classifica.

L’ambizioso progetto che potesse portare l’Arcadia ai vertici del futsal rosa regionale nasce ai nastri della scorsa stagione, quando il patron Alessandro Prete si affida alla consulenza di un tecnico esperto e preparato come Nico Ventura, che nel suo curriculum vanta di anche esperienze con il calcio a 5 maschile (Olimpiadi e Real Molfetta). All’inizio del 2013, mister Ventura inizia a sedere in panchina nelle vesti di allenatore ed i primi risultatati iniziano a vedersi:

“Abbiamo chiuso lo scorso campionato in netto crescendo, tant’è che in tutto il girone di ritorno abbiamo ceduto il passo solo alle prime due della classe. Ma il lavoro più grosso fatto dal mister e dal suo staff è stato fatto sulla mentalità: ragazze che erano abituate a vivere l’evento sportivo solo in maniera giocosa, quasi spensierata, hanno cominciato a capire che ci si diverte ancora di più vincendo… e per vincere è necessario allenarsi bene, essere concentrate, imparare quotidianamente e crescere, sia individualmente che di squadra” afferma il numero uno dell’Arcadia, Alessandro Prete.

Terminato lo scorso campionato in maniera positiva, l’Arcadia è stata rinforzata con l’innesto di elementi di esperienza, necessari ad elevare il tasso tecnico del gruppo, così come spiega la presidente Alessandra Papagni: “Il mercato del futsal femminile è sempre particolarmente complesso. Ma alla fine abbiamo portato nelle nostre fila elementi importanti come Marisa Dagnello, Manu Messere e Antonella “Spider” Ciangiotta, che hanno avuto anche un passato nella massima serie; a queste si sono aggiunte Sasso, Valente e Mastrototaro (tutte ex Bisceglie Girls) e Boccanegra (ex Don Tonino Bello Molfetta). Insomma speravamo di far meglio, ma riteniamo comunque di aver consegnato al mister materiale umano con cui poter lavorare e provare ad essere protagonisti in un girone duro e molto equilibrato”.

La stagione attuale è iniziata con una sconfitta in coppa Italia, all’esordio assoluto al Paladolmen: sotto gli occhi di tanti curiosi, Lasala e compagne cedono il passo alla Don Tonino Bello Molfetta, subendo l’eliminazione dal torneo. Poi il riscatto in campionato con tante vittorie, zero sconfitte ed un solo pari, proprio con il team biancorosso molfettese, stavolta sul campo ospite: “Quel pareggio non l’ho ancora digerito. – afferma mister Ventura – Dopo un ottimo primo tempo, chiuso sul doppio vantaggio, avevamo sofferto tutta la ripresa ma anche rischiato di chiudere la partita in ripartenza. Il gol del pareggio, peraltro evitabilissimo, a pochi secondi dalla sirena è stato una brutta botta per il nostro morale, ma forse è servito a renderci migliori… e di li in poi non abbiamo più sbagliato un colpo!”

“Siamo molto orgogliosi di quanto abbiamo fino ad oggi” afferma il vice allenatore Giuseppe Albanese “la crescita delle ragazze e del gruppo è evidente e sembra non fermarsi, giorno dopo giorno. L’obiettivo di essere protagonisti è stato rispettato, almeno finora; il fatto di essere in testa è una piacevole sorpresa che non deve però farci perdere l’umiltà e la voglia di migliorarci, condizioni indispensabili per proseguire su questo cammino”.

Grande soddisfazione per questo 2013 da poco terminato da parte della presidente Papagni “Se penso a tutte le difficoltà e le amarezze che abbiamo dovuto affrontare per arrivare a questo punto, sono ancora più soddisfatta dell’anno appena trascorso! Eravamo la cenerentola del nostro girone, oggi siamo li con le prime, con una dirigenza ancora più numerosa, uno staff tecnico professionale e di primo livello (forse un lusso per questa categoria), un fisioterapista-osteopata di riferimento ed una rosa di ragazze di qualità, fuori dal campo ancor prima che sul terreno di gioco. A proposito di campo, la scelta di giocare al Paladolmen e la disponibilità a concederlo da parte dell’Amministrazione Comunale (grazie anche a loro!) è un altro indice di come l’Arcadia stia diventando rapidamente “cigno”! Di tutti questi risultati non posso non ringraziare Alessandro Prete, la vera anima di questo club, ma anche gli altri dirigenti ed i tecnici… ciascuno di essi sta facendo il massimo per portare avanti questo progetto!
Cosa aspettarmi dal 2014? L’anno appena trascorso è stato quello della crescita… questo sia quello della maturazione, della conferma! Incrociamo le dita…”.

Terminato il girone di andata, l’Arcadia è prima in classifica e con un buon margine sulle inseguitrici; tra queste la Fovea Foggia,ai nastri di partenza della stagione indicata come la principale candidata alla vittoria finale, che potrebbe raggiungere le biscegliesi al primo posto, qualora facesse suo il recupero relativo all’ottava giornata con il Modugno, terza forza del girone. Ma di rilevante interesse è soprattutto il big match proprio tra Arcadia e Fovea, rinviato su richiesta della società foggiana proprio poco prima della sosta natalizia. Tale match è in programma per venerdì 11 gennaio, ma sembra destinato a slittare ulteriormente. Qualora questa ipotesi dovesse essere confermata, bisognerà attendere domenica 12 gennaio per vedere all’opera nuovamente le arcadine, quando al PalaDolmen arriverà il fanalino di coda Fidelis Andria.

Nicola Colangelo

Chi è Nicola Colangelo

Redattore sportivo, ha iniziato la sua collaborazione con Bisceglie in diretta a partire da ottobre 2012. Attualmente è impegnato negli studi universitari con il corso di laurea in Scienze della comunicazione.




Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 8 gennaio 2014