FURIA EDILIZIA VERSO LE VESTIGIA DEL NOSTRO PASSATO

Letti su Facebook / Rubriche // Scritto da Grazia Pia Attolini // 17 aprile 2013

FURIA EDILIZIA VERSO LE VESTIGIA DEL NOSTRO PASSATO


via Camere CapitoloIn una nota, il cittadino Guido Galantino sottopone un quesito che riportiamo: “Vorrei sottoporre all’attenzione di tutti l’allarmante problema della furia edilizia verso le vestigia del nostro passato.

Questa volta, come è ben noto in città, rischia di essere demolito un signorile edificio di tardo Ottocento, posto fra Via Camere del Capitolo e Vico Peschiera, forse attribuibile al noto progettista locale e vissuto nello stesso secolo, l’Ing.Mauro Albrizio.

L’edilizia resta e sarà sempre un volàno importante della nostra economia, ma perchè non coniugarlo con le “testimonianze documentali” del nostro passato?

Quest’edificio potrebbe ospitare cooperative sociali, associazioni no profit e quant’altro perchè è di signorile aspetto e gusto architettonico, non trattandosi di un immobile rurale o di basso pregio.

Auspico che la sensibilità dei tanti amici possa fare molto “rumore”, così da poter trovare una soluzione alternativa o migliore con l’impresa edilizia, che dovrà abbattere la palazzina in stile Neoclassico?!”

Grazia Pia Attolini

Chi è Grazia Pia Attolini

Giornalista pubblicista, laureata in Lettere moderne, sta completando gli studi universitari in Filologia Moderna. Attualmente è in Servizio Civile presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento della Protezione Civile e si occupa di comunicazione, social media, stampa, diffusione della conoscenza. Redattrice di Bisceglie in Diretta dal 2010, ha ricoperto anche la carica di segretario di redazione. Ha collaborato con Radio Centro e si occupa della presentazione di eventi e incontri culturali. Responsabile della comunicazione dell'associazione Giovanni Paolo II, intervista personalità di spicco del Vaticano, del mondo dello spettacolo e della società civile. Attiva nel sociale e nel volontariato, è anche capo scout.




Letti su Facebook / Rubriche // Scritto da Grazia Pia Attolini // 17 aprile 2013
  • Neri

    Non preoccupatevi, prossimamente potrebbero abbatterlo, l’autorizzazione potrebbe non tardare, visti anche gli ultimi movimenti politici (politici, si fa per dire) che ci sono in questi giorni a favore di un candidato per le prossime amministrative.
    Le 6000 promesse (media 250 a testa) di 24 grandi elettori prossimi Consiglieri Comunali, per alcuni si potrebbero avverare anche prima delle elezioni, il problema sarà per i rimanenti 5990 votanti che non potranno avere un bel niente; perché non crederete che tutti quelli che hanno avuto una promessa avranno qualcosa? Se così fosse oltre che gabbati saremmo anche stupidi.