FOTO / Il Centro d’ascolto della Fondazione Dcl Onlus è realtà

Attualità // Scritto da Alessia La Notte // 20 marzo 2015

FOTO / Il Centro d’ascolto della Fondazione Dcl Onlus è realtà


L’inaugurazione alla presenza di Rosy Paparella, Garante per l’infanzia e l’adolescenza della regione Puglia

Il Centro d’ascolto della Fondazione Dcl Onlus è una realtà. Giovedì pomeriggio si è tenuta la cerimonia d’inaugurazione, col tradizionale taglio del nastro e la benedizione del vicario episcopale don Franco Lorusso, alla presenza dell’assessore ai servizi sociali Doriana Stoico e dell’assessore allo sport e alla pubblica istruzione Vittoria Sasso.

Uno spazio a misura di bambino, ideato per rendere un impatto immediatamente positivo e all’insegna dell’accoglienza ai fruitori del servizio. In tanti, al punto di gremire gli ambienti, hanno partecipato all’appuntamento di apertura del Centro, che integra l’offerta già qualificata della comunità educativa Nonno Enzino.

IL CONNUBIO CON L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE
«Non esistono mamme e papà cattivi; piuttosto c’è un deficit in termini di genitorialità, perché a volte si diventa genitori senza essere in grado di fare da genitori. Il connubio con i servizi sociali del comune di Bisceglie e in particolare l’intesa, fortemente voluta dall’assessore Doriana Stoico, hanno contribuito in modo fattivo alla realizzazione del nostro progetto sul territorio» ha affermato Lucia Di Ceglie, presidente della Fondazione Dcl Onlus, in apertura dell’evento.

«Non potevamo non patrocinare quest’iniziativa lodevole. L’intento dell’amministrazione comunale è quello di creare una rete sempre più consistente di servizi sul territorio»
ha dichiarato l’assessore ai servizi sociali Doriana Stoico.

Rosy Paparella, Garante per l'infanzia e l'adolescenza della regione Puglia, taglia il nastro

Rosy Paparella, Garante per l’infanzia e l’adolescenza della regione Puglia, taglia il nastro

IL MIRACOLO DELLA SOLIDARIETA’ NEL TERRITORIO
Uno spot realizzato dalla fondazione ha per titolo “Il miracolo della solidarietà nel territorio”. «Questo miracolo si compie attraversando la paura di non farcela. Il miracolo dell’ascolto del sé guarisce; l’essere ascoltati realmente, senza sentire il peso del giudizio, guarisce – ha evidenziato Rosy Paparella, Garante per l’infanzia e l’adolescenza della regione Puglia -. Questo bellissimo luogo fisico potrà coniugarsi coi luoghi dell’anima e ricevere le richieste d’ascolto. La cura consiste nel recupero della capacità genitoriale, necessaria a figli e genitori per tornare a sentirsi famiglia».

L’avvocato Romina D’Addato, che dirigerà il Centro, ha fatto riferimento, nel suo intervento, alla crisi della famiglia nella società di oggi. «La data del 19 marzo, giorno della festa del papà, per l’inaugurazione di questo servizio non è stata scelta a caso».

LE AREE D’INTERVENTO DEL CENTRO
L’attività del Centro di ascolto si rivolgerà a minori in difficoltà e a fruitori adulti con diverse problematiche: depressione, attacchi di panico, soggetti che hanno subìto violenze e abusi. Sarà attiva anche la possibilità di interventi medico-legali. Un’equipe di esperti presterà la propria opera e mettere a disposizione le proprie competenze a titolo completamente gratuito.

Lo staff è composto dalla responsabile fundraising Lucrezia Ruggieri, dal direttore scientifico Maria Matano, dalla mediatrice familiare Amelia Izzo, allo psicoterapeuta Alberto Vito, dalla pediatra Sonia Storelli, dall’ostetrica Carla Di Terlizzi, dalla psicologa Rosalia Gentile, dall’assistente sociale Alfonso Spina, dall’educatrice professionale Elisa Colamartino, dagli avvocati Matilde Cafiero e Rosanna Santoro, dal giudice onorario Giovanna Sciorio, dall’insegnante Paola Gravera.

«Sono le sfide a rendere interessante la vita e il loro superamento a darne significato» ha concluso Romina D’Addato. Il Centro d’ascolto sarà attivo già da venerdì. Per informazioni e appuntamenti è possibile telefonare al numero 0803967504 oppure scrivere alla mail info@fondazionedcl.it.

FOTOGALLERY di Serena Ferrara





Attualità // Scritto da Alessia La Notte // 20 marzo 2015