FOTO / Gran Galà del cinema, trionfo di pugliesi su un palcoscenico incantato

Bisceglie Festiva 2014 / Eventi // Scritto da Serena Ferrara // 29 luglio 2014

FOTO / Gran Galà del cinema, trionfo di pugliesi su un palcoscenico incantato


C’era la Puglia ironica, la Puglia solare, quella ostinata delle tradizioni e quella creativa delle innovazioni sul palcoscenico del Teatro Mediterraneo durante la notte delle notti dell’estate biscegliese. E poi, c’era la Puglia dei nuovi talenti, la Puglia della comicità più sincera e quella che si è messa i luccichini ma in fondo resta Puglia: profumo di mare e focaccia, senso dell’accoglienza geneticamente ereditato, solidi valori, personalità da vendere.

L’appuntamento clou della prima edizione del CineDolmenFest, il Gran Galà del Cinema del 28 luglio, ha fatto letteralmente sognare. Tanto i mille che affollavano le gradinate del robusto teatro sul mare, quanto chi è rimasto in strada con il naso all’insù, a guardare lo spettacolo dai maxischermi allestiti all’esterno della struttura.

Complice una macchina perfetta, l’evento si è rivelato ben al di sopra delle aspettative: ha incantato e strappato sorrisi, come forse nessun altro evento ospitato nello stesso luogo aveva mai fatto.

C’è chi già, a pochi minuti dall’ultimo omaggio musicale corale, vede Bisceglie come un’altra Cinecittà.

Teatro Mediterraneo gremito di pubblico

Teatro Mediterraneo gremito di pubblico

Tutto sulla scena si rivela vincente: dalla location agli ospiti (gli ottimi protagonisti del musical “Romeo e Giulietta. Ama e cambia il mondo” Davide Merlini e Giulia Luzi, il cantante  Orlando Johnson, la rock band femminile Le Rivoltelle, il prestigioso Wanted Gospel Chorus e l’emergente Luca Mele), dalla conduzione affidata all’insostituibile Antonio Stornaiolo e ad una luminosa Bianca Guaccero in pancione,  al tappeto sonoro della orchestra foggiana Le Voci del Sud. Straordinarie le performance di apertura e chiusura tratte dal musical di David Zard (premiato ma assente per motivi personali), tra acrobati sospesi nell’area e piroette angeliche sulla testa della gente.

Sul palco del Gran Gala del CinDolmenFest, c’era quasi tutta la Puglia migliore del piccolo e del grande schermo. Quella che ha fatto strada in quel mondo finto eppure così vero, tanto selettivo quanto inclusivo, che è il mondo dello spettacolo. Dietro i microfoni e gli schermi agitati di tablet e smarphone del pubblico pressato sugli splati, personaggi come Renzo Arbore, Bianca Guaccero, Emilio Solfrizzi (premiati come “Eccellenze pugliesi”), diretti da un altro maestro pugliese: Michele Placido, direttore artistico del primo evento da red carpet della storia di Bisceglie.

Il Sindaco consegna il premio Cine Dolmen Fest a

Il Sindaco consegna il premio Cine Dolmen Fest a Bianca Guaccero

A consegnare i premi, pretesto per una serata che vuol essere molto di più, il sindaco Francesco Spina e la consigliera delegata al turismo Rachele Barrra.

Organizzato da Gerardo Russo per Standing Ovation Produzione in collaborazione con il Centro Studi biscegliese e diretto da Fabio Dicredico, il CinedolmenFest è uno specchio su cui Bisceglie si riflette splendidamente bene. Lo racconta il desiderio di stare in scena di tutti i protagonisti. Si esibiscono a sorpresa durante la serata l’attore Maurizio Micheli in un monologo ironico che dispensa consigli agli aspiranti attori, Bianca Guaccero prima in duetto con Placido poi in un assolo dedicato a Mino Reitano dalla grande intensità espressiva (con il brano “C’è una ragione di più”); quindi il direttore del teatro stabile dell’Abruzzo Alessandro Preziosi con la lettura di Erri De Luca e Renzo Arbore con una densa parata di brani, partita da “Il clarinetto” e giunta a “Ma la notte no”, passando per gli storici “Vengo dopo il tg” e “Per voi giovani”. Sorprendente anche Claudio Santamaria, cantante  per una notte per omaggiare il Maestro Manzi.

Sul palco anche Ambra Angiolini (premio per la verve e l’interpretazione del ruolo femminile in Mal D’Amore), Mariagrazia Cucinotta con il marito Giulio Violati (premio per la produzione), Michele Placido, Giovanni Veronesi e Valeria Golino (premio miglior attrice, per la capacità di recitare anche solo con gli occhi).
Unico assente dalla scena, ma sulla bocca di tutti, il protagonista al maschile del film “La Scelta”, Raul Bova, presente tra il pubblico fino agli ultimi minuti, ma mai ancora ufficialmente intervenuto a salutare Bisceglie e i biscegliesi che lo hanno accolto da alcune settimane.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Bisceglie Festiva 2014 / Eventi // Scritto da Serena Ferrara // 29 luglio 2014