FOTO/ Don Uva, week end di festa alla Parma Friendly Cup

Sport // Scritto da Donatella Todisco // 29 maggio 2015

FOTO/ Don Uva, week end di festa alla Parma Friendly Cup


Lo scorso weekend il Don Uva ha partecipato alla Parma Friendly Cup, torneo calcistico riservato alle categorie Piccoli Amici, Pulcini ed Esordienti.

I giovani tesserati, i loro genitori, lo staff tecnico e dirigenziale, composto dal vicepresidente Vincenzo De Feudis, dalla segretaria Federica Simone e dagli allenatori delle rispettive categorie, hanno partecipato con entusiasmo alla trasferta emiliana, desiderosi di divertirsi e di  condividere ogni attimo della giornata.

Appena giunto a Parma il team Don Uva ha effettuato un piccolo tour per le strade del centro, ammirandone le bellezze architettoniche (dal Duomo al Battistero a Piazza Garibaldi, vero cuore della città ducale), fino a giungere nei pressi del Palazzo della Pilotta. Da sempre la società calcistica presieduta da Silvestro Carbotti insegna ai ragazzi i valori della generosità, dell’altruismo e della correttezza. In seguito il gruppo biscegliese si è recato presso l’impianto sportivo “Stuard”, dove ha avuto inizio la manifestazione calcistica.

Gli atleti delle categorie Piccoli Amici (coordinata da Sergio Ruggieri), Pulcini primo anno (nati nel 2006), coordinata da Ciro Croce ed Esordienti (coordinata da Emanuele Troilo con la collaborazione di Davide Altomare e Michelangelo Brindicci e del prezioso supporto del preparatore dei portieri Giulio Pedone), hanno disputato le gare della fase a gironi confrontandosi con i loro rispettivi coetanei. «I ragazzi si sono ben comportati in campo e se a volte il risultato non è stato eccellente, come può accadere in qualsiasi partita di campionato o torneo, i nostri giovani atleti hanno sempre dimostrato un forte senso di appartenenza alla squadra, incoraggiandosi e sostenendosi gli uni con gli altri» ha affermato Sergio Ruggieri.

Domenica 24 maggio le tre formazioni biscegliesi hanno disputato la fase finale della “Parma Friendly Cup”, al termine della quale tutti gli aspiranti calciatori sono stati premiati con le medaglie rilasciate da Fabiano Santacroce, difensore del Parma F.C. Marco Marchi, direttore della Parma Football School, ha sottolineato l’importanza della finalità del torneo calcistico rivolta a far vivere ai giovani giocatori il mondo del calcio all’insegna del divertimento e della crescita sportiva.

Come suggerisce il nome della manifestazione, l’obiettivo che gli organizzatori si sono preposti è quello di promuovere il calcio tra i giovani, facendoli sentire tutti protagonisti escludendo a priori l’individuazione di un vincitore. L’arma vincente dell’organizzazione della Parma Football School risiede nella sua forma mentis: giocare divertendosi.

Alle 13:30 il Don Uva si è recato presso lo stadio “Ennio Tardini” per assistere al match di serie A tra Parma-Hellas Verona. Prima dell’ incontro di calcio, le società affiliate hanno effettuato la sfilata sul manto erboso della struttura sportiva, accolte da Alessandro Lucarelli da Daniele Galloppa che hanno consegnato agli allenatori delle squadre i rispettivi attestati e il pallone firmato da tutti i componenti del Parma F.C. 

La partita Parma-Hellas Verona è terminata 2-2. Tutti gli spettatori hanno applaudito il team crociato per l’ottima prestazione mostrata in campo. In particolar modo i supporters gialloblù, Boys e Danè, si sono stretti nella curva Nord “Matteo Bagnaresi” in un caloroso abbraccio per salutare e ringraziare la squadra, protagonista in questa stagione più nelle aule dei tribunali che sul campo, che è uscita dal rettangolo di gioco AtestAAltA. A causa delle note vicissitudini societarie, il presente e il futuro del Parma sono ancora da decifrare.

«La Parma Cup e la Parma Friendly Cup sono state – afferma Emanuele Troilo – due esperienze costruttive e divertenti. Abbiamo avuto l’occasione di trascorrere momenti piacevoli con i nostri tesserati e i loro familiari. Spero che la delicata  situazione del club emiliano possa trovare al più presto una risoluzione positiva e che l’affiliazione tra Don Uva e Parma Football School possa proseguire a pieno regime».

Il vero vincitore della Parma Friendly Cup è stato lo sport pulito e genuino, tipico del mondo dei sorrisi e della spensieratezza dei bambini. Questo è lo sport che la maggioranza delle persone vorrebbe vedere anche nelle categorie degli adulti.

FOTOGALLERY 




Sport // Scritto da Donatella Todisco // 29 maggio 2015