Fogna bianca in via Fragata: al via i lavori

Ambiente / Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 20 agosto 2015

Fogna bianca in via Fragata: al via i lavori


f2Partiti i lavori per il nuovo tronco di fogna bianca di via Fragata. Un’opera che rischiava di non vedere la luce, a seguito del contenzioso tra Regione Puglia e comune di Bagnolo di Lecce (leggi qui).

L’opera, dell’importo di 1 milione di euro, interesserà via Fragata, dove sarà realizzato un tronco con tubature del diametro di un metro che raccoglierà le acque pluviali di tutta la zona, spesso interessata da allagamenti a causa dell’ostruzione delle vecchie trivellazioni.

«Continua la imponente opera di realizzazione della rete di fogna bianca, – ha dichiarato il sindaco Spina – dopo il primo lotto dell’importo di 4 milioni di euro con cui abbiamo realizzato la condotta e il collettore principale stiamo costruendo un altro tronco molto importante.Tali strutture consentiranno di mitigare in maniera sensibile il rischi legati al fluire delle acque pluviali e risolvere problematiche che risalgono ad almeno cinquant’anni fa quando si ebbe la grande espansione urbanistica della città e spesso si costruivano palazzi trascurando la realizzazione di queste condotte per la fogna bianca e addirittura si eressero edifici dove sarebbe stato meglio evitare e cioè sulle lame come ad esempio all’inizio di via G.Bovio, di via Vittorio Veneto e in via Maggiore Calò».

A proposito delle lame, l’autorità di bacino regionale sta predisponendo la perimetrazione delle zone a rischio idraulico proprio in corrispondenza delle lame e comunque in attesa dello studio definitivo, l’Amministrazione Comunale ha realizzato già dal 2014 in località Lamerlina, utilizzando cave dismesse, vasche di laminazione destinate a mitigare il rischio idraulico connesso all’afflusso verso il centro abitato di copiose quantità di acqua.

«Ben si comprende, pur senza essere ingegneri idraulici, – ha concluso il primo cittadino – che la gestione e la raccolta delle acque pluviali impone interventi strutturali organici che coinvolgano l’intero territorio comunale che la mia Amministrazione ha in buona parte realizzato e che sono stati ampiamente trascurati nei decenni del boom edilizio. A tal proposito in riferimento ai tombini che saltano in occasione di nubifragi nell’ area portuale, sarà bene puntualizzare che quella è la conseguenza di problematiche che sorgono altrove e che dunque i lavori di riqualificazione del waterfront del porto potevano solo in parte mitigare ma non risolvere. L’Amministrazione Comunale presto incaricherà un esperto che possa studiare la situazione nella sua complessità e proporre soluzioni definitive. Nel contempo saranno avviati controlli e comminate sanzioni nei confronti di quei condomini che, contravvenendo ad un’ordinanza sindacale, hanno collegato i propri canali di raccolta delle acque piovane dai lastrici solari alle condotte della fogna nera, contribuendo così ai disagi che si verificano in occasione di piogge molto intense».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Ambiente / Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 20 agosto 2015