Fermiamo gli attacchi a Gaza, la proposta di ordine del giorno di Pd, Sel, Peppino impastato e Bisceglie Svolta

Politica // Scritto da Serena Ferrara // 29 luglio 2014

Fermiamo gli attacchi a Gaza, la proposta di ordine del giorno di Pd, Sel, Peppino impastato e Bisceglie Svolta


Parla a nome di PD, Sel, Circolo Peppino Impastato e Lista Bisceglie Svolta, il consigliere Angelantonio Angarano, che si fa portavoce di un ordine del giorno aggiuntivo per il consiglio comunale del prossimo 31 luglio.
Un gesto simbolico per la democrazia, perché «non c’è cosa peggiore del silenzio in questo momento e che ogni forza democratica di questo paese non possa girare la testa dall’altra parte per non vedere ciò che in queste ore si sta consumando in Palestina».

Intende così proporre al consiglio di schierare apertamente Bisceglie per il cessate il fuoco, superando le differenze politiche che hanno visto fino ad oggi mobilitarsi solo uno schieramento.

“Tenuto conto della necessità di riaprire il tema sulle precondizioni di una pace duratura riportando al centro della discussione l’obiettivo di affermare il concetto di “due Stati per due popoli” che porti al riconoscimento dello stato di Palestina, essendo la naturale continuazione del cammino intrapreso nel Novembre 2012 con la Risoluzione dell’ONU votata al Palazzo di Vetro che ha visto il riconoscimento ufficiale di «esistenza» come entità statale della Palestina da parte della comunità internazionale; dell’art 11 della Costituzione Italiana e della Quarta Convenzione di Ginevra che regolamenta le condizioni umanitarie dei civili in zona di guerra e, in particolare nella sezione 3, dove pone dei limiti di condotta nei territori sottoposti a occupazione militare; che le azioni militari in atto violano i più elementari diritti dell’uomo sanciti dalla Dichiarazione sui Diritti Umani nel 1948

la coalizione di centrosinistra chiede al sindaco e all’amministrazione comunale di attivarsi per chiedere:

al Governo Nazionale si adoperi a livello nazionale ed internazionale per un immediato “Cessate il fuoco” per riprendere quel cammino di dialogo e di negoziato indispensabile alla coesistenza pacifica tra il popolo Palestinese e il popolo Israeliano;  che il Governo Nazionale si adoperi immediatamente al fine di interrompere le forniture di armi e di munizioni allo Stato di Israele e rifiuti ogni collaborazione di tipo militare e che tali impegni siano posti all’attenzione della comunità europea in occasione del semestre di presidenza italiano;che governo  e Unione Europea inseriscano nelle priorità della propria agenda politica azioni finalizzate a realizzare nell’area Israelo-Palestinese il principio, unanimemente accettato dalla comunità internazionale ma che ancora non trova applicazione, dei “due popoli, due stati”.

 

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Politica // Scritto da Serena Ferrara // 29 luglio 2014