“FELICITA’ E (DOLORE)”: IL NUOVO CORTO MADE IN BISCEGLIE

Cultura // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 25 novembre 2013

“FELICITA’ E (DOLORE)”: IL NUOVO CORTO MADE IN BISCEGLIE


Il giovane regista Mauro Portoso

Il giovane regista Mauro Portoso

La Bisceglie cinematografica continua a sfornare ragazzi valorosi per il mondo della celluloide:  dopo Gianluigi Belsito, produttore e sceneggiatore, è la volta del giovane Mauro Portoso, che si cimenta dietro la macchina da presa con una storia attuale e giovanile.

Felicità e (dolore)” è il titolo del cortometraggio prodotto ed autofinanziato dal regista ventitreenne (li compirà sabato 30/11, ndr) ambientato nella nostra città: le location apparse durante le riprese spaziano dall’Arena del Mare all’Anfiteatro mediterraneo, per passare poi al lungomare di Via Prussiano (zona Bi marmi e seconda spiaggia, ndr) fino ai banchi dell’ITES (ex ITC)  “Giacinto Dell’Olio”.

La pellicola racconta la storia di Simonetta (Stefania Filomena Mastropasqua), ragazza emarginata ed umiliata da compagni di scuola e familiari poiché non ritenuta ragazza “in”: la protagonista, navigando sui social network, scorge la foto di un’affascinante modella (Marika Florence) osannata ed ammirata da tutti per estetica e sensualità, decidendo così di emularla.

Il successo avuto in pochissimo tempo con scatti equivoci e provocanti, portaRipresa di Mauro Portoso Simonetta a trovare molti consensi e l’amore, difficile agli inizi, di Armando (Sabino Di Tullio), invero già fidanzato con un’altra donna (Marilisa Protomastro). Come titolo rispecchia, la felicità di Simonetta si trasformerà in qualcosa di doloroso con un finale imprevedibile.

Proprio i social sono stati la fondamenta per lo sviluppo del film; nessun casting, tutti gli attori ed i collaboratori sono stati reclutati tramite Facebook:

Ho messo vari annunci per scegliere i protagonisti ed optavo in base alla loro naturalezza e spontaneità. Questo è un progetto nato per creare a Bisceglie qualcosa di importante dal punto di vista cinematografico, costituendo una associazione che vada oltre i cineclub: mettere insieme tante potenzialità per riportare Bisceglie ed i suoi luoghi nel mainstreaming cinematografico.

Il regista Mauro Portoso, allievo di Stefano Jurgens (autore del gameshow Avanti un altro, ndr)  all’Accademia della comunicazione e dello spettacolo di Roma, vanta nel proprio curriculum lavori come coautore o assistente alla produzione in film realizzati tra Napoli e Roma:

Nei corsi che ho frequentato mi hanno ben insegnato come mettere in risalto i particolari profili dei protagonisti: quello che con questo film ho voluto mostrare è il rimedio, forse sbagliato per una donna fragile, di mettersi in mostra ad ogni costo, rendendosi fotocopie di persone che sappiamo essere cattivi esempi, tipo le modelle spregiudicate. Sfuggire alla solitudine ed alla sconfitta, senza guardarsi interiormente.

Il corto registrato martedì 12 Novembre, della durata di 6 minuti e 23 secondi, ha visto sul set la collaborazione di assistenti alla produzione (il padre del regista, Francesco, con Mauro Tesoro), una truccatrice (Stella Giadamele), un direttore della fotografia (Andrea Di Molfetta) ed un addetto alle riprese (Luigi La Candia). Originali e adatte ad ogni scena le soundtracks di Leo Sangilli e Giovanni Parisi. A breve termine avverrà la distribuzione del film.

Chi è Bartolomeo Pasquale

Bartolomeo Pasquale nasce a Molfetta il 15 Gennaio 1987. All'età di dodici anni vince il premio speciale alla seconda edizione del premio scolastico "Vincenzo Fata" con il video-report dal titolo "Bisceglie in dieci minuti". Redattore per Bisceglie in diretta dal 2008, è stato presentatore per programmi radiofonici, spettacoli e contest, conseguendo il titolo di giornalista pubblicista nel 2010. Laureato in Giurisprudenza con tesi in Diritto del Lavoro presso l'Università degli Studi di Bari, è praticante avvocato dal Novembre 2012.




Cultura // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 25 novembre 2013