“Fateci sapere se Avvistamenti deve morire”: l’appello per salvare la mostra del video e del cinema d’autore

Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 11 ottobre 2016

“Fateci sapere se Avvistamenti deve morire”: l’appello per salvare la mostra del video e del cinema d’autore

In dubbio la possibilità di organizzare la XIV edizione della manifestazione internazionale

Avvistamenti non è mai stato un evento a carattere locale. Ha, anzi, sempre superato i confini regionali e nazionali, riscuotendo successi ben oltre il perimetro della penisola italica.
Alle tredici edizioni dell’iniziativa dedicata alla videoarte, hanno partecipato i massimi esponenti del video d’autore – sarebbe a dire quelli che fanno belli i paginoni della cultura sui quotidiani più importanti e vengono immortalati dalle copertine delle principali riviste di settore. E tutti  hanno conosciuto e poi apprezzato il Cineclub Canudo di Bisceglie, dando lustro, oltre agli ideatori ed organizzatori Antonio Musci e Daniela Di Niso, anche al nome di Bisceglie, delle altre città che negli anni hanno ospitato Avvistamenti (Barletta e Bari), della Puglia intera.
Nel 2011, quando Avvistamenti si trovò senza sostegni istituzionali, fu pubblicato un appello (qui il link), che oggi Antonio Musci (frattanto diventato il validissimo direttore del Laboratorio Urbano di Bisceglie), torna a dover pubblicare.
«Dopo sei anni dalla sua diffusione siamo sempre qui a chiederci chi ce lo fa fare: sapere che sono in tanti ad apprezzare Avvistamenti è un gran toccasana per il nostro morale, ma non vorrei mai che l’ostinazione diventi accanimento terapeutico, per cui se le istituzioni locali preposte al sostegno delle attività culturali (Assessorato Regionale in primis) ritengono che Avvistamenti non rientri nella fattispecie di iniziative da sostenere adeguatamente, ne prendiamo atto e decideremo di conseguenza se realizzare o meno la XIV edizione. Mi fermo qui perché non abbiamo mai fatto le vittime e non cominceremo ora. Vi chiedo solo, se ne avete voglia, di dedicare nei commenti qui sotto qualche parola ad Avvistamenti. Chissà che dopo 15 anni non torni la voglia di ricominciare».
In tanti, da Davorka Vučić- Šneperger (Presidente del festival multimediale istriano Vizura Aperta) al critico cinematografico Guglielmo Siniscalchi, dagli artisti Cosimo Terlizzi e Igor Imhoff ai registi Elisabetta Pandimiglio e Giuseppe Boccassini, hanno desiderato condividere l’appello dell’organizzazione affinché Avvistamenti non muoia d’inedia e solitudine.

 

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 11 ottobre 2016