Family Day, il Comitato Progetto uomo aderisce alla manifestazione del 30 gennaio

Attualità // Scritto da Cristina Giovenale // 28 gennaio 2016

Family Day, il Comitato Progetto uomo aderisce alla manifestazione del 30 gennaio

La protesta nazionale contro il DDL Cirinnà

 

In difesa della famiglia, contro il ddl Cirinnà il comitato Progetto Uomo di Bisceglie aderisce alla manifestazione nazionale del  FamilyDay, organizzata dal collegio Difendiamo i nostri figli, sabato 30 gennaio al Circo Massimo di Roma.

12549135_1652523361681923_6142573661373662444_n

La locandina del comitato Progetto Uomo per il Family Day

Con la protesta, i manifestanti vogliono esprimere il loro dissenso verso il ddl per la «Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze» che il 28 gennaio verrà discusso in Senato.  Un disegno di legge non condivisibile che equipara le convivenze tra persone dello stesso e quelle formate da un uomo e da una donna, unite nel vincolo del matrimonio. Pertanto, il comitato progetto uomo difende l’istituzione e l’unicità della famiglia naturale, dalla prole generata da un padre e da una madre; le altre forme di convivenza sono tutelate da leggi vigenti  e ad esse vanno riconosciuti alcuni diritti, al momento non compresi nel codice civile e nei regolamenti.

 «Nel momento in cui si sta decidendo del futuro dei nostri figli, dei nostri nipoti e dell’assetto della società italiana è più che mai necessaria la presenza in piazza» dichiarano i componenti del comitato Progetto uomo di Bisceglie «Siamo certi che in Parlamento siedono persone ragionevoli, sensibili al bene comune e propense al bene dei bambini, della famiglia e al progresso della società, quindi contrarie a matrimonio e adozioni omosessuali. Sul loro buon senso facciamo affidamento, sicuri che, senza farsi condizionare da scelte ideologiche e lobbistiche, sapranno decidere qual è veramente il bene per tutti».

E’ con questa intenzione che il Comitato Progetto Uomo, tutore da sempre della famiglia costituzionale, aderisce alla manifestazione nazionale di sabato 30 gennaio per ribadire ancora una volta il valore dell’istituto familiare fondato sul matrimonio uomo donna, inteso come «nucleo primario di formazione dell’essere umano e cellula vitale di ogni società, così come riconosciuto dalla costituzione italiana negli articoli 29, 30 e 31 e dalla dichiarazione universale dei diritti dell’uomo nell’articolo 16» si legge in una nota profusa dal comitato biscegliese.

Per aderire alla manifestazione e ottenere maggiori informazioni, contattare l’associazione al numero 348 0459717

Cristina Giovenale

Chi è Cristina Giovenale

Giornalista pubblicista dal 2009, laureata con lode in Filologia Moderna collabora con Biscegliendiretta dal 2006. Ha lavorato come giornalista per l'ATS-agenzia telegrafica Svizzera e per l'ufficio stampa dell'ambasciata d'Italia a Berna. Ha anche collaborato con il Corriere del Mezzogiorno, dorso pugliese del Corriere della sera.




Attualità // Scritto da Cristina Giovenale // 28 gennaio 2016