EXPRIVIA-LATINA 3-2 | I biancorossi conquistano il sesto posto in classifica e volano ai quarti di Coppa Italia

Dal territorio // Scritto da Vito Troilo // 9 dicembre 2015

EXPRIVIA-LATINA 3-2 | I biancorossi conquistano il sesto posto in classifica e volano ai quarti di Coppa Italia


"Terzo tempo", ogni martedì e giovedì sul canale youtube Bisceglie in diretta

“Terzo tempo”, ogni martedì e giovedì sul canale youtube Bisceglie in diretta


Fantastica prestazione del collettivo di Montagnani, trascinato da un superlativo Hernandez (39 punti)

Exprivia Molfetta-Ninfa Latina 3-2

Expirivia Molfetta: Kaczynski, Candellaro 6, Spadavecchia 1, Randazzo 11, Joao Rafael 5, Barone 3, De Pandis (libero), Porcelli (libero), Hierrezuelo 6, Fedrizzi 12, Hernandez 39. N.e.: Mariella, Del Vecchio. Allenatore: Paolo Montagnani.
Ninfa Latina: Krumins, Mattei 7, Sottile 1, Sket 12, Romiti (libero), Tailli, Hirsch 26, Yosifov 10, Rossi 3, Maruotti 11. N.e.: Pavlov, Ferenciac. Allenatore: Camillo Placì.
Arbitri: Frapiccini di Ancona, Bartolini di Roma.
Parziali: 25-22, 28-26, 21-25, 15-25, 15-11. Durata set 28′, 30′, 28′, 22′, 16′ per complessive due ore e 4 minuti gioco.
Note:
 spettatori 1811, incasso 4000 euro.

Match-altalena sul rettangolo di gioco del PalaPoli. Mister Montagnani, consapevole della necessità di centellinare le energie e gestire tutte le risorse a disposizione nel periodo più intenso della stagione, ha scelto di affidarsi a Fedrizzi nel sestetto base a fianco di Joao Rafael, lasciando in panchina Randazzo. I centrali Candellaro e Barone e gli inamovibili cubani Hierrezuelo e Hernandez, con De Pandis libero, hanno completato lo schieramento iniziale del team biancorosso. Il trainer di Latina Camillo Placì ha inserito nello starting six il bulgaro Yosifov e Rossi centrali, il palleggiatore Sottile, gli schiacciatori Maruotti e Sket (a Molfetta la passata stagione) e l’opposto tedesco Hirsch, con l’applauditissimo ex di turno Roberto Romiti nel ruolo di libero.

Un timeout biancorosso [Losapio-Ciccolella]

Un timeout biancorosso [Losapio-Ciccolella]

La trama dell’incontro l’hanno subito chiarita i due principali protagonisti sulle sponde contrapposte: Fernando Hernandez e Simon Hirsch. Il loro duello ha segnato l’intera partita, riservando giocate spettacolari al numeroso pubblico presente sugli spalti. Sotto 1-3 in apertura, Molfetta ha impattato con la prima delle diverse “doppiette” del martello cubano (attacco vincente più ace, 4-4). Incapace di frenare un Hernandez scatenato e furbo nel togliere riferimenti coprendo praticamente tutta la banda (e non solo), il collettivo laziale non si è perso d’animo, mantenendo la concentrazione e limitando gli errori (appena 13 in battuta nella gara a fronte dei 27 dell’Exprivia), capitalizzando al meglio una prestazione per certi versi impeccabile (9-10 con un ace di Maruotti, 10-12 col muro di Yosifov). Un ispirato Michele Fedrizzi (mani e fuori) ha dato il sorpasso sul 14-13; lob di Hernandez per il 17-16, out di Rafael e 17-18, muro di Rossi per il 18-19; come capovolgere le sorti del set? Naturalmente affidandosi alla “dinamite” Hernandez: attacco vincente più ace per il 20-19. Latina ha commesso il primo e unico errore in battuta del primo parziale seguito da un servizio vincente di Rafael per il 22-20. Replica ospite con Hirsch (22 pari), quindi Hernandez e un muro di Barone hanno concesso il primo set point ai pugliesi, che con un “mani e fuori” del loro attaccante designato hanno chiuso i conti.

Secondo parziale ugualmente equilibrato: Latina ha approfittato di due invasioni consecutive di Molfetta per scappare, complice anche un muro di Hirsch, sul 3-6. Tre punti di fila dell’onnipresente Hernandez hanno ristabilito la parità. Nuovo allungo dei viaggianti firmato da un implacabile Hirsch (realizzerà 26 punti in totale) per il 6-8; ribaltone Molfetta orchestrato da Fedrizzi (due punti consecutivi e 12-11), quindi l’assolo di Hirsch (13-15). A metà frazione l’ingresso in campo di Luigi Randazzo. Gli ospiti hanno creduto di poter conquistare il set mantenendo un certo margine, trascinati da Hirsch; Hernandez ha servito sul net concedendo a Latina la palla per impattare ma Randazzo ha annullato il set point; i biancorossi l’hanno spuntata ai vantaggi con Fedrizzi e un “mani e fuori” di Hernandez.

Un attacco del team di casa [Pasquale-Ciccolella]

Un attacco del team di casa [Pasquale-Ciccolella]

Nonostante lo 0-2 la formazione latinense è rimasta in partita, senza mai mollare, neppure sul 6-3 a inizio terzo periodo. Due ace del tedesco Hirsch hanno dato il primo significativo vantaggio alla compagine ospite (13-15) ma Molfetta, decisa a conquistare il successo pieno, ha reagito con Fedrizzi (17-16). Scatto d’orgoglio di Latina, propiziato da un muro di Maruotti, da un efficace primo tempo di Mattei e dall’ennesimo pallone passato per le dita di Hirsch (19-22). Un lob velenoso di Alen Sket e un ace del tedesco hanno permesso al team laziale di accorciare le distanze.

Quarto parziale letteralmente dominato dalla squadra di mister Placì. L’Exprivia è apparsa irriconoscibile, commettendo ben nove errori in battuta e concedendo il 64% in attacco agli avversari. Viktor Yosifov ha siglato il 3-8, rintuzzato da un attacco vincente del subentrato Spadavecchia e da un muro di Hernandez (8-11). Hirsch ha continuato a colpire e il trainer di casa Montagnani ha cercato di dare una scossa ai suoi modificando alcuni assetti (dentro il secondo libero Porcelli per De Pandis, Rafael al posto di Fedrizzi e qualche minuto di riposo anche per Hernandez rilevato dal polacco Kaczynski) ma la rottura prolungata dei biancorossi ha inevitabilmente rimesso tutto in discussione.

La carica dei 1800 del PalaPoli ha dato a Molfetta quella spinta necessaria per avere la meglio su Latina nel set decisivo: ace di Randazzo per il 4-2, doppio Hernandez per il 6-3, due muri di un orgoglioso Yosifov e 8-7 ma gli ospiti non sono mai riusciti a prendere il vantaggio nel quinto periodo: tre attacchi “mani e fuori” di Hernandez sono valsi quattro match point, il secondo dei quali è stato sfruttato da Rocco Barone per mettere a terra il punto della vittoria biancorossa, nonostante i 37 errori punto a 17. L’Exprivia è aritmeticamente qualificata per i quarti di Coppa Italia, che giocherà martedì 22 dicembre fra le mura amiche con un avversario ancora da definire. Intanto bisognerà provare a fare risultato domenica a Piacenza.

Segui l’Exprivia Volley nella quarta puntata di “Terzo tempo”, disponibile da giovedì sul canale youtube di Bisceglie in diretta

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Dal territorio // Scritto da Vito Troilo // 9 dicembre 2015