Europei Under 23, i dubbi di Queen Atletica (e di Bisceglie in diretta) sul mancato inserimento di Lucia Pasquale nei 400

Rubriche / Sport / Storie di sport // Scritto da Vito Troilo // 1 luglio 2015

Europei Under 23, i dubbi di Queen Atletica (e di Bisceglie in diretta) sul mancato inserimento di Lucia Pasquale nei 400


L’autorevole sito specializzato è contrariato per l’esclusione della quattrocentista biscegliese dalla gara individuale di Tallinn

La mancata iscrizione della velocista biscegliese Lucia Pasquale fra le atlete azzurre al via nei 400 ai Campionati Europei Under 23 di Tallinn, in Estonia, ha sollevato diversi dubbi fra gli addetti ai lavori. Nel riportare, martedì sera (link), la notizia della convocazione dell’atleta biscegliese in staffetta, abbiamo desiderato evitare riferimenti all’esclusione della 20enne allenata da Tonino Ferro dalla gara individuale.

Il motivo è semplice: siamo pur sempre tacciabili di partigianeria, malgrado l’abitudine, maturata negli anni e molto apprezzata dai nostri lettori, ad analizzare le prestazioni degli atleti biscegliesi senza loro concedere particolari “attenuanti”. Come nel caso di Lucia, della quale abbiamo sottolineato le prove più brillanti come evidenziato i passaggi a vuoto, peraltro fisiologici nella carriera di qualsiasi sportivo.

Tornando al caso delle convocazioni per gli EuroUnder23 estoni, questa volta è l’autorevole sito specializzato Queen Atletica (link) a contestare apertamente diverse scelte effettuate dal direttore tecnico azzurro Massimo Magnani.

Fra queste, l’estromissione di Lucia Pasquale: «Con Raphaela Lukudo che opta per i 400hs, spazio alla campionessa italiana Ylenia Vitale mentre sorprendentemente entra Giulia Teruzzi che non ha il minimo Fidal ma quello EA (European Athletics, ndr) ed è ’94. Viene preferita a Lucia Pasquale (convocata solo in staffetta salvo errori nella lista pubblicata) che invece è del ’95 pur avendo 19 centesimi in più. Speriamo si tratti di un refuso perché qui si compie un doppio errore: escludere Pasquale e includere un’altra atleta palesemente priva di minimo».

Facciamo nostro quanto sollevato dai colleghi di Queen Atletica, rimarcando che, peraltro, l’inserimento di Lucia nei 400 non avrebbe neppure costretto Baldini a sacrificare Giulia Teruzzi, dato che ciascuna nazione può iscrivere alle gare individuali fino a tre atlete e includendo la biscegliese la Fidal si sarebbe semplicemente limitata a proporre nelle gare di Tallinn il podio degli assoluti Promesse di Rieti (link).

Impedire a una propria atleta di valore la partecipazione a una gara, cosa che per giunta non comporta un aggravio di costi visto che la biscegliese in Estonia ci andrà comunque per correre la sua frazione nella 4×400, è veramente assurdo, anzi: italiano.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Rubriche / Sport / Storie di sport // Scritto da Vito Troilo // 1 luglio 2015