Europei indoor di atletica, amara medaglia di legno per la 4×400 con Lucia Pasquale

Sport // Scritto da Vito Troilo // 5 marzo 2017

Europei indoor di atletica, amara medaglia di legno per la 4×400 con Lucia Pasquale

La staffetta azzurra manca l’appuntamento col podio al debutto della giovane biscegliese con la nazionale

Un’amara medaglia di legno. La scelta del direttore tecnico Locatelli di non iscrivere alcuna delle ben sette atlete col minimo alla gara individuale dei 400 metri piani dei Campionati Europei indoor di Belgrado non ha sortito alcun beneficio alla squadra di staffetta, che domenica non è andata oltre un insoddisfacente quarto posto nella finale diretta stravinta dalla Polonia (3’29″94) con tre frazioniste su quattro reduci da quelle stesse “fatiche” delle prove dei giorni precedenti (tra cui Justyna Swiety che ha conquistato il bronzo) che per una decisione assolutamente priva di logica sono state “risparmiate” al quartetto azzurro.

Lucia Pasquale, Maria Enrica Spacca, Benedicta Chigbolu e Ayomide Folorunso, stritolate dalla pressione, hanno così ceduto. La biscegliese (al pari delle altre cinque avversarie sui blocchi di partenza) non è stata certo favorita dagli oltre dieci minuti di attesa supplementari in corsia a causa di problemi tecnici col sistema di start.

Il suo debutto con la maglia della nazionale, pur generoso, non ha concesso troppe chances alle compagne, che non hanno ugualmente brillato: neppure Spacca è andata oltre il sesto e ultimo posto al secondo passaggio di testimone mentre Chigbolu ha recuperato una posizione, provando a lanciare Folorunso in una disperata rimonta alla terza piazza. Nulla da fare, il 3’32″87 fatto registrare dall’Italia non è stato sufficiente a centrare il bronzo, festeggiato a ragion veduta dall’Ucraina (3’32″10″), alle spalle della Gran Bretagna (argento, 3’31″05) e delle imprendibili polacche. In ogni caso Lucia Pasquale ha scritto una pagina importante per l’atletica leggera della città, succedendo a Natale Monopoli, Annamaria Di Terlizzi ed Eusebio Haliti nell’elenco dei biscegliesi in maglia azzurra. La velocista dovrà ora fare tesoro dei dettagli emersi nel corso della sua esperienza in Serbia per lavorare sui tanti miglioramenti che sembrano nelle sue possibilità.

Lucia Pasquale sui blocchi di partenza

Lucia Pasquale sui blocchi di partenza

Così, l’ennesima fallimentare spedizione di una nazione un tempo protagonista dell’atletica leggera continentale è stata salvata da un 40enne: Fabrizio Donato, ancora una volta immenso nello strappare una medaglia d’argento nel triplo. L’unica dell’Italia, in una competizione nella quale l’Albania ha potuto festeggiare il suo primo oro di tutti i tempi, nel salto in lungo.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 5 marzo 2017