“Erano due bravi ragazzi”: la nuova avventura editoriale di Mattia Giuramento

Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 20 settembre 2016

“Erano due bravi ragazzi”: la nuova avventura editoriale di Mattia Giuramento


«Un viaggio all’inferno senza ritorno». Lo ha definito così Giancarlo De Cataldo “Erano due bravi ragazzi”, il nuovo lavoro, in libreria dal 15 settembre, di Mattia Giuramento Emiliano Scalia, edito da Newton Compton.

Biscegliese l’uno, napoletano l’altro, i due giornalisti della redazione di Sky si incontrano tra le pieghe di “una storia di camorra”, per dar forma ad un thriller crudo e vero su quel Sud che occupa le pagine della cronaca nazionale.

I “due bravi ragazzi” del titolo sono Fabrizio, figlio di un medico noto della Napoli bene, e Andrea, che vive a Miano, un quartiere di periferia, dove la camorra la fa da padrone.
S’incontrano per caso a una festa e quell’incontro segna l’inizio e la fine di tutto. Perché i due, pur così diversi, si piacciono, e quando Fabrizio, seguendo Andrea, si trova coinvolto in un duplice omicidio, invece di scappare subisce il fascino di quel che non conosce. E la scalata ai vertici della criminalità è breve: Fabrizio e Andrea conquistano la fiducia di Totonno, il boss di Miano, e cominciano a lavorare per lui. Ma sono giovani, quel che hanno non gli basta: puntano più in alto e convincono Totonno a fare affari coi cartelli messicani. All’inizio tutto procede bene, poi, lentamente, qualcosa nel meccanismo che hanno messo a punto s’inceppa. Sequestri di droga, denunce sui giornali, morti scomode ed ecco che il sodalizio col boss si spezza. E la vendetta, quella più crudele, si scatena…
Il libro, che promette di essere letto d’un fiato, sarà presentato martedì 20 settembre alla Feltrinelli di Bari, quindi a Napoli e nelle prossime settimane a Bisceglie.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Cultura // Scritto da Serena Ferrara // 20 settembre 2016