Editoriale: per un 2015 “senza paura”

Opinioni // Scritto da Serena Ferrara // 1 gennaio 2015

Editoriale: per un 2015 “senza paura”


Ogni inizio d’anno nuovo è una pagina bianca. Emozionante come una nuova avventura, gravido di speranze ed incertezze come una nuova sfida, democratico come ogni linea di partenza, luminoso e lineare come le storie ancora da scrivere.
Se il primo minuto del nuovo anno avesse un volto, sarebbe quello della città innevata che, con un giorno di anticipo rispetto al calendario ufficiale, i biscegliesi incantati hanno ritratto orgogliosi nei loro reportage fotografici.
Sarebbe quello delle serrande abbassate perché i negozi sono in festa e non in dismissione, dei figli che tornano a casa per riabbracciare i genitori senza doverci restare causa disoccupazione, del futuro come promessa e non come minaccia.
Se il primo minuto del nuovo anno avesse un volto, guardandosi allo specchio rifletterebbe solo sé stesso, senza rughe di rancore, cicatrici di insuccessi, senza debiti e rate da pagare, senza ferite finanziarie e umane da rimarginare.
E anche se un volto non lo avesse, avrebbe l’energia per cadere, rialzarsi e tornare a lottare, fino al giorno in cui cedere il testimone all’anno a venire.
Peccato che il primo minuto dell’anno duri solo 60 secondi. E sia un inizio comandato, artificiale, il cui senso si perde dall’istante successivo. Allorquando ci si accorge che la linea del tempo non si è mai spezzata.
E allora che il Capodanno sia un pretesto, uno qualsiasi, per fare tabula rasa. E ricominciare da dove avremmo voluto partire, ma non abbiamo mai avuto il coraggio di fare.
Tanti auguri dalla redazione di Bisceglieindiretta, per un 2015 senza paura.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Opinioni // Scritto da Serena Ferrara // 1 gennaio 2015