Domenica la presentazione del libro “Canzoni a manovella” di Vinicio Capossela

Dal territorio // Scritto da La Redazione // 29 dicembre 2015

Domenica la presentazione del libro “Canzoni a manovella” di Vinicio Capossela


Il 2016 al Museo Civico Archeologico del Pulo di Molfetta si aprirà con un nuovo appuntamento culturale.

Domenica 3 gennaio, alle ore 18:30, si terrà la presentazione del libro “Canzoni a manovella” di Vinicio Capossela, a cura di Laura Rizzo.

L’autrice dialogherà con il musicista e musicologo Giovannangelo De Gennaro. Modererà il dibattito Gianluca Sciannameo, della Cooperativa Camera a Sud.

«Avete mai pensato alle invenzioni? Ai prototipi? A quale uomo per primo ha indossato un paio di ali di tela grezza, schiantandosi poi al suolo nel tentativo di volare? Avete mai sentito il richiamo del colpo di cannone? Avete mai letto Viaggio al termine della notte? Vi è mai presa una colica di immaginazione? Avete mai sparato a uno specchio per rompere il ghiaccio? Se sì, allora canzoni a manovella è il disco che fa per voi e questo volume –che inaugura una nuova collana dedicata ai grandi dischi italiani del nuovo secolo– prova a raccontarvelo.

E che disco, questo! Pubblicato il 6 ottobre di quindici anni fa, squarcia il Duemila con Céline, un colpo di cannone futurista -appunto– Jarry e la patafisica; si srotola evocando un mondo «un po’ perduto, fatto di cose irreali o scomparse: una sorta di Ziegfeld Follies sottomarina, una ciurma in bottiglia», suonando a perdifiato grancasse sinfoniche, piani chiodati a rullo, trombe a grammofono, onde martenot, ululatori e stropicciatori a valvola, orchestrioni, violini a tromba, cilindri, sollevatori bulgari e aerostatici per realizzare una manciata di canzoni ballabili e indimenticabili.

Un disco di cose che vengono dal profondo, fabbricato con mezzi espressivi più leggeri dell’aria, capace di raccontare un secolo mentre se ne apre un altro. Un regalo «ai molti temerari che si sono succeduti e buttati, ai molti oggetti in via d’estinzione, ai molti saloni che patiscono il silenzio di milioni di canzoni». Un capolavoro.




Dal territorio // Scritto da La Redazione // 29 dicembre 2015