Discarica di Trani: si ipotizza un anno di chiusura. Preoccupazione per i rifiuti di Bisceglie

Ambiente / Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 25 settembre 2014

Discarica di Trani: si ipotizza un anno di chiusura. Preoccupazione per i rifiuti di Bisceglie


I rifiuti di Bisceglie vengono conferiti temporaneamente a Bari dai primi giorni di settembre, in attesa dei lavori previsti presso gli impianti AMIU di Trani, presso cui la Regione Puglia ha bloccato il conferimento dei rifiuti, causa l’inquinamento di un pozzo spia, sintomo di una probabile saturazione della discarica.

Questione di pochi mesi, si pensava, anche se l’allarme lanciato da Bisceglie in Diretta alcuni giorni addietro (vedi QUI), circa un possibile prolungarsi dei disagi per i comuni che conferivano a Trani, inizia a trovare riscontri nelle notizie di attualità.

La chiusura potrebbe essere difatti estesa ad un anno, a conferma della gravità della situazione e delle difficoltà a ripristinare le condizioni di sicurezza ambientale, con ripercussioni economiche e aggravi di costi, per tutti i 18 comuni che stanno smistando i propri rifiuti altrove.

Frattanto, dall’AMIU Bari non giungono notizie rassicuranti: anche l’impianto in cui conferisce temporaneamente Bisceglie è al limite. Prima un sovraccarico di tensione, poi, nella notte tra 23 e 24 settembre, ritardi, incolonnamenti di camion, disagi nella raccolta rifiuti che l’azienda effettua in convenzione per conto del comune di Bari. Le 680 tonnellate di rifiuti, di cui 300 provenienti dal barese e dalla Bat, che quotidianamente affollano l’impianto del capoluogo da alcuni giorni a questa parte, potrebbero mandare presto in tilt il sistema, scatenando un effetto domino dalle ripercussioni economiche, d’immagine e ambientali gravi per tutta la Puglia.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Ambiente / Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 25 settembre 2014