COPPA ITALIA, IL BISCEGLIE PASSA A MANFREDONIA: 7-6 AI RIGORI

Sport // Scritto da Vito Troilo // 10 settembre 2014

COPPA ITALIA, IL BISCEGLIE PASSA A MANFREDONIA: 7-6 AI RIGORI


Manfredonia-Bisceglie 6-7 dopo i calci di rigore

Manfredonia: Addario, Fiore, Rizzi, Totaro, Vairo, Forte, Coccia, Antonio Gentile (dal 69° Claudio Gentile), Simonetti (dal 62°) Zaccaro, La Porta (dal 62° Scippo), Molenda. Allenatore: Massimo Vadacca. A disposizione: Palma, Stajano, Palumbo, Ciullo, Alessio Gentile, De Vita.
Bisceglie: Licastro, Lacriola, Esposito, Abbinante (dal 71° Serafino), Riccio, Anaclerio, Guadalupi, Logrieco, Gallaccio (dal 46° Zotti), Lacarra, Pongo (dal 55° Lanzillotta). Allenatore: Claudio De Luca. A disposizione: Lattaruli, Gambuzza, Lanzolla, Serafino, Viscuso, Lanzillotta, Patierno, Marolla.
Arbitro: Mastrogiuseppe di Sulmona (Piccirilli de L’Aquila, Alessi di Teramo).
Note: spettatori 800, una cinquantina dei quali biscegliesi. Ammoniti: Fiore, Simonetti, Rizzi, Guadalupi. Calci d’angolo: 1-2.

Mattia Licastro para il rigore del 16enne Gianmarco Fiore e regala al Bisceglie il passaggio al terzo turno della Coppa Italia di Serie D. Finisce 7-6 dopo i tiri dal dischetto al “Miramare” (0-0 al 90°). I nerazzurri affronteranno nei sedicesimi l’Agropoli che ha superato 1-0 il Marcianise. Bella iniezione di fiducia per il gruppo. Prestazione positiva del portiere nerazzurro a soli tre giorni dalla prova poco convincente in campionato.

Sinistro preciso di Esposito e gol del 7-6.

Licastro tocca il rigore di Vairo ma non quanto basta per respingerlo: 6-6.

Serafino riporta avanti gli ospiti: 6-5.

Preciso anche il rigore di Coccia: 5-5.

Mirko Guadalupi piazza la palla all’angolino: 5-4 Bisceglie!

Forte spreca il match-point sparando alle stelle: sempre 4-4.

Michele Anaclerio interrompe la rincorsa e si fa parare facilmente da Addario.

Ultimo rigore per il Manfredonia con Claudio Gentile che realizza: 4-4, si va a oltranza.

Logrieco spiazza Addario: 4-3 Bisceglie!

Ancora un under al tiro e ancora una rete sipontina: Zaccaro rimette tutto in parità.

Riccio riporta avanti il Bisceglie spiazzando Addario: 3-2!

Claudio Gentile va in gol: destro sotto la traversa: 2-2.

Lacarra spara fuori… Sempre 2-1 per gli ospiti.

Rizzi sul dischetto: gran parata di Licastro!!! 2-1 Bisceglie!!!

Michele Lanzillotta segna nonostante l’intuizione di Addario: 2-1 Bisceglie!

Tocca al Manfredonia con l’attaccante Molenda. Licastro intuisce ma non riesce a respingere: 1-1.

Primo rigorista è Pierino Zotti. Cucchiaio e gol! 1-0 Bisceglie.

Sorteggio vinto dal Manfedonia che ha scelto di far eseguire i tiri naturalmente verso la porta davanti ai sostenitori di casa.

Mister Claudio De Luca ha già scelto i cinque atleti che si recheranno sul dischetto. Si attende la consegna della lista da parte della panchina sipontina.

Triplice fischio dell’arbitro Mastrogiuseppe di Sulmona. Manfredonia-Bisceglie si conclude 0-0. Si va ai rigori.

93° – Contrasto molto duro ai danni di Vincenzo Lacriola, che ha sbattuto contro le recinzioni dietro la porta biscegliese. La situazione rischia di scaldarsi ma il buon senso riporta tutto alla normalità.

92° – Ripartenza dei biancazzurri in situazione di superiorità numerica e traversone pericoloso di Coccia sul quale nessun compagno può arrivare.

90° – La punizione dalla sinistra di Zaccaro taglia l’area nerazzurra ma nessuno riesce a intervenire sul pallone.

90° – Quattro minuti di extra time.

89° – Attesa per l’indicazione del recupero. Il Manfredonia guadagna un calcio di punizione con l’attivissimo Nunzio Scippo.

88° – Mirko Guadalupi cerca l’incrocio con un destro a giro ma la mira è leggermente imprecisa.

87° – Squadre stanche ma il Bisceglie non rinuncia a giocare.

85° – Lo 0-0 sembra quasi inevitabile.

83° – Scippo prova la sforbiciata in area biscegliese ma colpisce al volto Lacriola che era uscito in anticipo per allontanare la palla di testa.

81° – Palla dentro di Zotti per Lacarra che nonostante il duro contrasto riesce a tirare in porta cadendo. Addario è attento e intercetta.

78° – Conclusione flebile di Lacarra dal limite dell’area. Addario para senza problemi.

77° – Ultimo scorcio del match. Nel caso in cui la situazione dovesse restare in parità al 90° saranno i calci di rigore a determinare la qualificata al terzo turno della competizione tricolore.

75° – Coccia percorre venti metri palla al piede e scarica il suo destro verso la porta difesa da Licastro. La palla sfila fuori di un soffio.

73° – Il Bisceglie attacca per vie centrali. Ancora un pallone giocabile per Peppe Lacarra che però tira debolmente fra le braccia di Addario.

71° – Terzo e ultimo cambio anche per il Bisceglie: Serafino rileva Abbinante.

70° – Folata del Manfredonia, pallone all’accorrente Scippo che calcia alto da buona posizione.

69° – Claudio Gentile rileva Antonio Gentile. Il team di Vadacca ha esaurito le sostituzioni.

68° – Il Manfredonia guadagna il primo calcio d’angolo della sua gara. La difesa ospite allontana la sfera sul tiro dalla bandierina.

67° – Bisceglie vicinissimo al vantaggio. Zotti suggerisce per Lacarra che si presenta a tu per tu con Addario, lo dribbla e prova il tap-in sul quale s’immola un calciatore di casa. Pallone respinto sui piedi di Guadalupi che con un delizioso lob da 25 metri ha sfiorato il gol: solo esterno della rete.

65° – Il pacchetto arretrato del Manfredonia sembra in difficoltà nella gestione del pallone in fase di disimpegno. Il Bisceglie alza il pressing.

62° – Doppio cambio Manfredonia: Scippo e Zaccaro rilevano rispettivamente La Porta e Simonetti.

61° – Lancio lungo di Stefano Riccio sui piedi di Zotti che addomestica la palla e la serve col contagiri a Lacarra: tiro di prima intenzione parato da Addario.

60° – Primo ammonito nel Bisceglie Mirko Guadalupi per un intervento da dietro su un avversario.

59° – Gli ingressi di Zotti e Lanzillotta hanno rinvigorito lo spirito e le credenziali tecniche della squadra ospite.

58° – Azione elaborata e pregevole del Bisceglie che porta al tiro Salvatore Esposito. Addario si distende e blocca.

56° – Brutta entrata di Rizzi su Guadalupi. “Giallo” inevitabile, è il terzo ammonito del Manfredonia e della partita.

55° – Michele Lanzilotta prende il posto di Idriss Pongo. Il Bisceglie passa al 4-4-2 con i soli Lacarra e Zotti in attacco.

54°  – Tiro dalla bandierina pericolosissimo, mischia nell’area piccola sipontina e pallone nei pressi di Lacarra che però era rimasto a terra.

53° – Gran palla d’esterno destro di Zotti per Pongo che si accentra da sinistra e prova il tiro. Pallone messo in corner da un difensore di casa.

51° – Il tecnico nerazzurro dovrebbe inserire a breve Michele Lanzillotta.

49° – Traversone di Lacriola dalla destra per Lacarra che anzichè agganciare prova a girare al volo ma non si riesce a coordinare. Opportunità sciupata dagli ospiti.

Applausi delle due tifoserie all’esposizione di uno striscione eloquente da parte dei supporters sipontini: «Gargano rialzati».

Prima sostituzione fra gli ospiti: Pierino Zotti ha preso il posto di Michele Gallaccio.

Nel sedicesimo di finale che riguarda più da vicino il nerazzurri, l’Agropoli ha superato 1-0 il Marcianise. La vincente dell’incontro tra Manfredonia e Bisceglie incrocerà i cilentani nei sedicesimi.

Si chiude il primo tempo al “Miramare”. Manfredonia e Bisceglie negli spogliatoi sullo 0-0 nella gara unica valida per la qualificazione ai sedicesimi di finale della Coppa Italia di Serie D. In caso di parità al termine dei 90 minuti regolamentari il passaggio del turno sarà assegnato attraverso i calci di rigore.

45° – Un minuto di recupero.

43° – Ammonito per un’evidente simulazione l’attaccante biancazzurro Felice Simonetti.

40° – Si avvia alla conclusione un primo tempo non esaltante sul piano spettacolare, contrassegnato da brevi fiammate di entrambe le contendenti, che hanno provato a colpire senza troppa convinzione.

38° – Mister Claudio De Luca ha chiesto a Pierino Zotti di riscaldarsi.

36° – Ci prova Totaro da fuori area ma il tiro è debole: tutto facile per Licastro.

34° – Battimani e cori sempre più insistenti da parte dei tifosi nerazzurri al seguito della squadra.

32° – Punizione dalla trequarti sinistra per il Bisceglie. Logrieco calibra il cross per Lacarra che calcia al volo a dieci metri dalla porta ma conclude fuori bersaglio.

30° – Manfredonia ancora propositivo con Coccia la cui conclusione dall’interno dell’area nerazzurra è però alta sopra la traversa.

29° – Traversone dalla destra di La Porta che attraversa tutta l’area biscegliese e sul quale l’accorrente Rizzi, da sinistra, trova la coordinazione giusta per concludere a rete. Presa sicura di Licastro.

26° – Primo tiro dalla bandierina del confronto in favore del Bisceglie, senza esito.

25° – Gli ospiti insistono sulla sinistra: cross basso di Gallaccio, uscita di Addario anticipato da Totaro che ha rischiato il pasticcio prima di riuscire a scagliare il pallone in tribuna.

22° – Incursione di Logrieco sul lato corto sinistro dell’area di rigore ospite e cross troppo basso sul quale Addario interviene in tuffo.

20° – Lacarra s’invola sulla sinistra e serve all’indietro Logrieco che si coordina ma spara malamente alto dal cuore dell’area foggiana.

18° – Evidente la disabitudine di alcuni calciatori nerazzurri a giocare sul sintetico. Traiettorie e rimbalzi del pallone completamente differenti rispetto all’erba naturale.

16° – Iniziativa personale di Coccia che rientra sul destro e dal limite dell’area prova a sorprendere Licastro con un esterno che risulta impreciso.

14° – Tiro cross insidioso di Lacarra, ben servito da Guadalupi. Il pallone accarezza la traversa ed esce dall’area di rigore sipontina con una traiettoria del tutto particolare. Bisceglie vicino al vantaggio.

13° – Si fa vivo il team ospite con un colpo di testa di Michele Gallaccio su cross da destra di Vincenzo Lacriola: palla alta sulla traversa.

12° – Il Manfredonia prova a costruire gioco sul lato sinistro del campo con l’esterno Antonio Rizzi il cui suggerimento per capitan La Porta è stoppato da un anticipo difensivo nerazzurro.

10° – Primo cartellino giallo del confronto all’indirizzo del difensore sipontino Gianmarco Fiore, ammonito con eccessiva fiscalità dall’arbitro Mastrogiuseppe per aver calciato verso la porta difesa da Mattia Licastro quando il gioco era già fermo.

7° – Velleitaria conclusione dalla distanza di Mirko Guadalupi. Il pallone sfila sul fondo controllato dal portiere di casa Addario.

5° – Nessuna opportunità concreta per le due contendenti col Bisceglie che si fa preferire per possesso palla.

2° – Bisceglie già piuttosto intraprendente con Pongo molto attivo sulla destra.

Ore 20:00 – Le due squadre fanno il loro ingresso sul rettangolo di gioco. 800 circa gli spettatori presenti sugli spalti del “Miramare”, una cinquantina dei quali sono giunti da Bisceglie e hanno occupato il settore ospiti.

Ore 19:55 – E’ quasi tutto pronto per l’inizio del match che metterà in palio l’accesso ai sedicesimi di finale della Coppa Italia di Serie D.

Ore 19:50 – In tribuna stampa sono pervenute le formazioni. Mister Claudio De Luca ha fatto ampio ricorso al turnover decidendo al tempo stesso di proporre un terzetto d’attacco di notevole impatto fisico: Gallaccio-Lacarra-Pongo,

Ore 19:45 – Squadre già rientrate negli spogliatoi dopo aver concluso il riscaldamento pregara.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 10 settembre 2014