Diaz, c’è bisogno di un colpaccio nel derby di Andria

Sport // Scritto da Vito Troilo // 4 marzo 2016

Diaz, c’è bisogno di un colpaccio nel derby di Andria

I biancorossi devono assolutamente vincere per continuare a sperare nei playoff

Cinque giornate al termine della stagione regolare ma solo quattro gare ancora da disputare per la Diaz del presidente Nicola Napoletano, che nell’ultimo turno in calendario avrebbe dovuto affrontare il Real Adelfia: la formazione ultima in classifica nel girone unico del campionato di Serie C1 è stata esclusa del torneo in seguito alla quarta rinuncia a presentarsi in campo e perciò i biancorossi, al pari di tutte le altre compagini che secondo calendario avrebbero dovuto sfidare il team estromesso, possono già ritenersi con tre punti in classifica in più.

Il delicato confronto in programma sabato pomeriggio sul rettangolo del palasport di corso Germania col Futsal Andria costituisce un’autentica prova della verità per capitan Giacomo Di Pinto e compagni. La Diaz, virtualmente a quota 41, ha assolutamente bisogno di un colpo in trasferta per continuare a sperare nell’aggancio al quinto posto, l’ultimo utile per l’accesso ai playoff, sempre che si mantenga un margine contenuto entro le sette lunghezze rispetto alla seconda in classifica (cosa tutt’altro che impossibile, considerando il netto calo di rendimento delle Aquile Molfetta negli ultimi incontri). Diversamente sarà molto difficile ipotizzare di prolungare con lo svolgimento degli spareggi promozione una stagione cominciata alla grande, addirittura con la conquista del primato all’ottava giornata.

Le assenze degli squalificati Giuseppe Albanese e Ignazio Del Vecchio priveranno i federiciani di mister Bizzoca di due elementi importanti per le rotazioni: un vantaggio che la squadra allenata da Maurizio Di Pinto dovrà far valere a lungo andare nel corso del faccia a faccia con una delle contendenti dalla più alta età media del girone, nel quale non mancano elementi di qualità superiore come l’esperto biscegliese Mimmo Napoletano. Fischieranno Antonio Valentini di Bari e Francesco Decorato di Barletta.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 4 marzo 2016