Correzioni al piano di riordino e nuovo ospedale del nordbarese, le proposte del Comitato tutela salute

Attualità // Scritto da Vito Troilo // 11 gennaio 2017

Correzioni al piano di riordino e nuovo ospedale del nordbarese, le proposte del Comitato tutela salute

«Non si può ridurre il nosocomio di Molfetta a soli 70 posti letto»

Il Comitato civico per la tutela della salute di Molfetta ha le idee chiare sulle correzioni da apportare al Piano di riordino ospedaliero recentemente deliberato dalla regione Puglia, «che ha gravemente penalizzato l’ospedale civile “Don Tonino Bello” riducendolo a un nosocomio di base con soli 70 posti letto. Le proteste e le cinquemila firme raccolte nella scorsa primavera contro i tagli sono rimaste inascoltate».

Gli esponenti del Comitato, sottolineando l’assenza di tagli nel settore privato, hanno chiesto di non trasferire il reparto di urologia da Molfetta all’ospedale “San Paolo” di Bari, in ragione del fatto che si tratta dell’unica unità operativa tra il capoluogo regionale e Andria e ritengono fondamentale il mantenimento dei 24 posti letto attualmente in funzione presso il reparto di chirurgia alla luce della paventata chiusura dell’ospedale di Terlizzi. Proposta anche l’aggregazione di nefrologia e medicina e la conservazione di tutti i servizi presenti compreso l’ambulatorio di pediatria.

Comitato civico per la tutela della salute

Comitato civico per la tutela della salute

«Invochiamo il potenziamento immediato delle attività specialistiche del Poliambulatorio di Molfetta perché le liste d’attesa sono diventate intollerabili tanto che spesso i cittadini finiscono con il rinunciare alle cure se non hanno la possibilità di pagarsi le prestazioni.

Crediamo che la via giusta da seguire per garantire una efficace assistenza ospedaliera nella nostra area (Giovinazzo, Molfetta, Terlizzi, Ruvo, Bisceglie, Trani) sia l’edificazione del nuovo ospedale del Nord Barese area adriatica, deliberato con il piano di riordino. Chiediamo però che l’attivazione avvenga subito, con tempi di realizzazione contingentati, perché non è possibile attendere il 2025».

Il Comitato invita tutte le forze politiche e sociali del territorio a partecipare a una manifestazione pubblica che si svolgerà presto a Molfetta.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità // Scritto da Vito Troilo // 11 gennaio 2017