CONSIGLIO COMUNALE, LA MAGGIORANZA VOTA A FAVORE DEL RIEQUILIBRIO DI BILANCIO. SI ASTIENE NAPOLETANO

Attualità / Politica // Scritto da Fabrizio Ardito // 30 settembre 2013

CONSIGLIO COMUNALE, LA MAGGIORANZA VOTA A FAVORE DEL RIEQUILIBRIO DI BILANCIO. SI ASTIENE NAPOLETANO


Diretta consiglio comunale cover

 

Parla il Sindaco

Parla il Sindaco

La seduta prosegue fino alle 3.00 di notte, con una maggioranza ridotta a 14. Per problemi tecnico-logistici, la redazione si scusa per l’interruzione della diretta

[AGGIORNAMENTO ORE 22.30] Si passa a discutere del quarto punto all’odg. Come da parere dei revisori dei conti, Casella propone di rimandare la discussione del punto, inerente l’internalizzazione del servizio gestione tributi minori, per due motivi: le conseguenti ricadute in termini occupazionali, il sicuro ricorso da parte della ditta Andriani Tributi

[AGGIORNAMENTO ORE 22.10] Si vota ed approva   il terzo punto all’ordine del giorno, che prevede l’acquisto di una quota della Bisceglie Approdi da parte del comune di Bisceglie.

[AGGIORNAMENTO ORE 21.10]Si vota: i primi due punti all’ordine del giorno: (1 – ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri di bilancio 2013. 2- variazione al bilancio ex art.175 del tuel conseguente alla salvaguardia degli equilibri di bilancio 2013), vengono approvati a maggioranza. Si astiene Napoletano.

[AGGIORNAMENTO ORE 21.10]Ancora Spina: «Faremo ricorso contro le sentenze della Corte d’Appello sulla rivalutazione degli espropri della 167»

[AGGIORNAMENTO ORE 21.05] Parola al sindaco Spina. «Vigiliæ è una partita chiusa e non si pagherà nulla. Con le compensazioni rimangono da pagare 1 milione e 400 mila euro di debiti fuori bilancio. Il 50% di questi debiti appartiene alla prima amministrazione Spina di cui era assessore al Bilancio Tonia Spina. Prendo atto con favore che il consigliere Casella voterà i debiti fuori bilancio generati quando faceva parte dell’Amministrazione comunale, il 25% dei debiti fa parte della seconda Amministrazione Spina, il 15% dell’amministrazione Napoletano e 5% del Commissario Bellesini. Riceveremo 500.000 euro dal piano sociale di zona per le famiglie e per la social card. Nessuno sta ricordando le migliaia di lavoratori della Cdp che stanno rischiando il posto di lavoro e invece in quest’aula si sono ricordati pochi lavoratori per l’internalizzazione del servizio tributi. Questi non avranno nulla da temere».

[AGGIORNAMENTO ORE 20.40] Napoletano: «Responsabilità condivisa non è governo insieme, ma è un percorso per trovare soluzioni ai problemi. Consigliere Angarano, a metà del suo partito piace questo approccio (parte un breve battibecco con Angarano ndr). Per il mio ruolo istituzionale io mi astengo su questo e su tutti gli altri punti (ancora battibecchi con Angarano “si sforzi di essere educato…” ndr)». Angarano chiede la replica “per fatto personale”, ma il presidente Napoletano non gliela concede. Ancora battibecchi tra i due.

[AGGIORNAMENTO ORE 20.25] Casella (DC): «Il Comune va ad acquisire le quote di Bisceglie Approdi, una società in perdita. Sindaco, le chiederò di ritirare il punto sulle internalizzazioni del servizio tributi perchè questo atto butterà sulla strada diverse famiglie. Per ogni 1.000 euro che paghiamo per le cause perse dal Comune, i cittadini pagano per tre volte. Spero che lo staff del nuovo ufficio legale faccia più transazioni per risparmiare».

[AGGIORNAMENTO ORE 19.55] Angarano (PD): «Abbiamo il massimo delle aliquote per l’imposizione fiscale comunale (Irpef, Tares, ecc.). Razionalizzare le spese: basta consulenze e incarichi a parenti e amici. Il debito di 4 milioni di euro con l’ex Consorzio Vigiliæ? Per colpa di debiti già spalmati dagli anni precedenti, partiamo il prossimo anno con meno 2 milioni di euro»

[AGGIORNAMENTO ORE 19.40] Tonia Spina (Pdl): «Sui debiti fuori bilancio, va messa sotto controllo la responsabilità dei dirigenti che danno l’approvazione per spese senza copertura in bilancio».

[AGGIORNAMENTO ORE 19.35] Storelli (Torrione): «Debiti fuori bilancio per 3 milioni e 200.000 euro sollecitano una riflessione. Bisogna capire come si è arrivati a tutte queste cause in cui il Comune è stato condannato a pagare. Bisogna anche favorire una seria attività di riscossione e di rivalutazione dei crediti»

[AGGIORNAMENTO ORE 19.30] Di Pierro (Noi Riformatori): «Bene l’Amministrazione comunale sugli investimetni al campo Di Liddo e sull’acquisizione delle quote per la gestione del porto»

[AGGIORNAMENTO ORE 19.25] Durante la ricognizione degli equilibri di bilancio, il dirigente Pedone chiarisce i dubbi sollevati dai consiglieri comunali circa i vari capitoli. Intervento di Di Tullio (Il Faro): «Spero in una riduzione consistente dei debiti fuori bilancio da parte dell’Amministrazione comunale»

[AGGIORNAMENTO ORE 18.50] L’uomo che aveva interrotto in precedenza il Consiglio, riprende ad urlare invocando l’aiuto del Comune per la sua situazione familiare. Momenti agitati e nuova interruzione. L’uomo è ancora più arrabbiato e scaraventa in aria alcune sedie del pubblico. Il Sindaco lo prende in disparte per parlargli e i vigili lo hanno invitato ad allontanarsi. La situazione si è calmata e i lavori sono ripresi con la relazione tecnica del dirigente del settore finanziario, dott. Angelo Pedone.

[AGGIORNAMENTO ORE 18.40] Sindaco Spina spiega: “Importanti novità oltre alla social card: l’acquisto della quota privata della Bisceglie Approdi, la ristrutturazione e l’adeguamento dell’impianto “Di Liddo”, accordo di 3mln per i lavori al depuratore”. Continui gli attacchi alla stampa, in particolare contro “l’articolista della Gazzetta del Mezzogiorno” (Luca De Ceglia, nda) e contro i politici che fanno dichiarazioni fuorvianti sulle stesse pagine. Prosegue il Sindaco: “Su Salnitro rassicuriamo le famiglie: i lavori procedono in orari non scolastici e un funzionario comunale ogni mattina assicura che non ci siano danni alla struttura”. E si rivolge all’opposizione, a cui tende la mano: “Ricostruiamo un dialogo costruttivo”. “I debiti fuori bilancio – conclude Spina – sono dettati principalmente da sentenze giudiziarie”. Rachele Barra, che chiede la parola subito dopo il Sindaco precisa come questa estate sia stata di rilancio per l’economia biscegliese, con eventi di calibri nazionale che hanno attratto turisti: “Questi turisti se hanno comprato anche un caffé, una pizza o una cena al ristorante hanno portato valore aggiunto all’economia locale”.

Durante il consiglio comunale un uomo interrompe i lavori

Durante il consiglio comunale un uomo interrompe i lavori

[AGGIORNAMENTO ORE 18.10] Il Sindaco Spina continua: “Abbiamo implementato un importante strumento a difesa delle fasce deboli: oggi approviamo e finanziamo la social card”. Un uomo in aula interrompe il Sindaco e spiega: “Io parlo non come voi, parlo partendo dalla fame che ha mio figlio!”. Il presidente Napoletano calma la situazione e l’uomo viene condotto dalla Polizia Municipale fuori dalla sala consiliare.

[AGGIORNAMENTO ORE 18.00] Napoletano chiarisce che, sebbene la discussione sul caso 167 non sia in programma, lui non è in conflitto con tale argomento. Spina: “Abbiamo la sfortuna di appartenere a quei comuni virtuosi per cui nonostante senza debiti, nonostante l’approvazione in regola del nostro bilancio dobbiamo fare un riequilibrio”. “Sono umanamente vicino al presidente Letta – continua il Sindaco Spina-: anche io sono stato nelle stesse condizioni del premier non più tardi di qualche mese fa. Quando qualcuno lavorava per Bisceglie, qualcuno raccoglieva le firme contro di me. Siamo il primo comune in Puglia che approva il bilancio comunale e il riequilibrio e che partecipa al bilancio sperimentale”. Giunge anche il consigliere Tonia Spina (PDL/FI). “Finanziamo di fatto 1.5 mln di euro – precisa il Sindaco – come debiti fuori bilancio, poichè il resto sono stati già spesi e oggi si riconoscono solo a bilancio.”

[AGGIORNAMENTO ORE 17.45] Alle 17.37 l’appello è concluso. Prende subito la parola Di Pierro (NoiRif.) e Angarano (PD): il primo polemizza sui costi della politica e sugli sprechi e i danni che la politica sta producendo, mentre il secondo ricorda come la mole di documenti che sono stati consegnati ai consiglieri non permetta si approfondire ciò che contengono; inoltre sono giunte alcune sentenze che riguardano la zona 167 e per il consigliere è bene che il Comune ne prenda atto e possa rispondere prontamente ai cittadini. Giunge anche il vicesindaco Fata.

[AGGIORNAMENTO ORE 17.30] Entra in aula il Sindaco Spina e a ruota il presidente del consiglio comunale Napoletano, gli assessori Abascià, Ruggeri, Fuoco, Stoico e Sasso. I consiglieri prendono posto: nelle fila della maggioranza si contano 13 consiglieri, mentre tra le opposizioni 4 presenti (Di Tullio, Storelli, Casella, Angarano). In aula anche i dirigenti comunali Losapio e Pedone per rendicontare sui lavori e suoi capitoli di spesa.

[AGGIORNAMENTO ORE 17.15] Tra poco partirà il Consiglio Comunale; convocato per le ore 17.00, si fa attendere da quanti temono si possa raggiungere la notte, data la mole di punti all’ordine del giorno. All’ordine del giorno di questo consiglio che inizierà, come prevedibile, in ritardo, 63 punti all’ordine del giorno, la maggior parte dei quali sono riconoscimenti di debiti fuori bilancio.

Fabrizio Ardito

Chi è Fabrizio Ardito

Giornalista pubblicista dal 2012, è studente di Marketing e Comunicazione. E' l'ispiratore dello spazio web del giornale cartaceo (all'inizio per l'allora Diretta Nuova, ora Bisceglie in Diretta), di cui è stato responsabile. Tra i suoi interessi ci sono la Politica, la Comunicazione, la Statistica, l'Astronomia e l'Informatica. Attualmente è redattore di Bisceglie in Diretta.




Attualità / Politica // Scritto da Fabrizio Ardito // 30 settembre 2013