Confcommercio e Fidapa si incontrano al Castello per parlare di imprenditoria in rosa

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 12 marzo 2016

Confcommercio e Fidapa si incontrano al Castello per parlare di imprenditoria in rosa


Promuovere la presenza delle donne sul mercato del lavoro non è solo una questione di equità ma un investimento sul futuro di tutti. l’imprenditoria in rosa è cresciuta nell’ultimo periodo dello 0,8% e non c’è dubbio oramai che le donne sono il motore di una rivoluzione che può risollevare l’economia. Lo sanno bene,Confcommercio Bari BAT e Confcommercio Terziario Donna Bari BAT, che insieme alla FIDAPA BPW Italy di Bisceglie hanno organizzato un interessante momento di approfondimento su “I Bandi regionali in favore dell’imprenditoria femminile” al quale sono intervenuti Luciana Di Bisceglie Presidente Terziario Donna Confcommercio Bari BAT, Rachele Barra  Assessore alla Formazione e alle Politiche Giovanili del Comune di Bisceglie , Caterina Todisco  Consulente Aziendale in Finanza Agevolata Approfondimento sui Bandi Regionali NIDI- Microcredito, Mauro Portoso Direttor Ente Bilaterale del Terziario della Provincia di Bari – Garanzia Giovani, Elisabetta Grande Presidente FIDAPA BPW Italy Sez. Bisceglie, Francesco Spina sindaco di Bisceglie e Leo Carriera Direttore Confcommercio Bari BAT.

«Le imprese al femminile sono ormai un presenza stabile nell’ampio panorama delle PMI e per questo è più che mai necessario fornire notizie utili, anzi essenziali su bandi e incentivi per l’imprenditoria femminile, sui finanziamenti previsti». A dirlo Luciana Di Bisceglie Presidente Terziario Donna Confcommercio Bari BAT, che fornisce numeri che fanno sorridere il mondo della PMI del territorio e lo tingono di rosa. Secondo i dati di Unioncamere infatti, le donne hanno sempre più voglia di fare impresa ed una impresa su tre è gestita da donne, inoltre le regioni del sud vedono al comando l’imprenditoria femminile.  Tra l’altro ha spiegato la Di Bisceglie le donne accedono sia ai bandi regionali che a quelli più ampi europei.

«Microcredito, NIDI e titolo II sono i bandi ai quali le donne con coraggio e determinazione chiedono l’accesso, seppur con qualche ansia –  ha spiegato Caterina Todisco – legata solo alla paura di affacciarsi al mondo dell’imprenditoria, o di non riuscire a reperire le risorse finanziarie utili.

 All’interno della splendida cornice del Castello Normanno ha spiegato Leo Carrieral’incontro odierno è solo uno dei tanti che stiamo svolgendo nell’intera provincia che rientra nel progetto “WORK-HER il lavoro che incontra le donne” perché. Oggi è più che nel passato importante guidarle nell’accesso ai bandi, su come presentare adeguatamente le domande e accedere al capitale messo a disposizione dai vari organi istituzionali La Confcommercio Bari BAT – ha aggiunto Carriera –  è impegnata da tempo nella formazione e nell’instaurare con i ragazzi che escono dalla scuola un rapporto utile a far comprendere cosa voglia dire fare impresa e come portare avanti un progetto imprenditoriale. Significative le tante domande poste dagli studenti presenti prossimi ad entrare nel mercato del lavoro Tra l’altro- è stato ricordato –  la Confcommercio Bari BAT ha avviato nei giorni scorsi insieme ad altre 9 provincie il progetto “Il mestiere del futuro”, che coinvolge docenti e dirigenti scolastici delle scuole secondarie di I grado. Una operazione educativa con la quale Confcommercio Bari BAT mette a disposizione delle scuole del territorio un percorso didattico finalizzato all’informazione e all’orientamento sul tema del lavoro nel terziario, le possibilità che offre e la sua evoluzione.

L’obiettivo del progetto, è quello di offrire un’azione di orientamento scolastico e promuovere tra i ragazzi l’autoimprenditorialità giovanile, e fornire i primissimi strumenti per ragionare sul concetto di lavoro autonomo come sfida. Anche se il passaggio dall’idea al lavoro autonomo non è così automatico, nel terziario c’è la possibilità di inventarsi un mestiere, o trasformare qualcosa che è tradizionale in qualcosa di nuovo”

Grande incoraggiamento ai giovani e alle donne che credono in un futuro imprenditoriale è giunto dal sindaco di Bisceglie Francesco Spina. «Le donne sanno dare il forte impulso che serve alla crescita dell’economia e tutti noi abbiamo il dovere di sostenerle».

Mauro Portoso alla giovane platea di interlocutori ha illustrato obbiettivi e opportunità del programma Garanzia Giovani, per il quale dopo quasi due anni c’è ancora grande interesse tra i giovani stessi e, che vede impegnata la Confcommercio nel coinvolgimento delle imprese associate su tutto il territorio affinché, siano partecipi degli obiettivi da raggiungere. Tra gli obiettivi del progetto c’è quello di individuare le reali potenzialità occupazionali del territorio e il suo bisogno professionale e formativo e a tal proposito – ha spiegato -continuano ad aumentare anche i giovani che complessivamente si sono registrati chediventano 933.595 (+2,6% nelle ultime quattro settimane). Quest’anno l’obiettivo è quello di incrementare la qualità delle proposte offerte ai giovani, e cercare di tramutare molti dei tirocini effettuati nella prima fase del programma in veri e propri posti di lavoro. Mai perdere di vista la grande opportunità che offre ai ragazzi nel fornire loro importante supporto nell’inserimento al lavoro.

 

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 12 marzo 2016