Condotta sottomarina, dopo il servizio de “Le Iene” i Cittadini a 5 Stelle propongono alternative

Attualità // Scritto da Vito Troilo // 2 dicembre 2015

Condotta sottomarina, dopo il servizio de “Le Iene” i Cittadini a 5 Stelle propongono alternative


Il gruppo è favorevole alla depurazione dei reflui urbani e industriali e a un loro riutilizzoHa suscitato, a quanto pare, almeno finora, più scalpore su tutto il territorio nazionale che dalle nostre parti il servizio trasmesso lunedì 30 novembre dalla trasmissione televisiva di Italia1 “Le iene” intitolato “Un mare di… cacca”, nel quale sono apparsi spezzoni dei video prodotti dai Cittadini ale 5 Stelle in MoVimento di Bisceglie presso gli scarichi fognari dei depuratori di Bisceglie e Corato.

Gli attivisti sono da tempo sul piede di guerra per denunciare situazioni a loro modo di vedere poco chiare, esprimere la loro contrarietà alla condotta sottomarina di Torre Calderina e informare i cittadini «sui rischi e sulle problematiche legate al collettamento, tramite condotta, dei reflui dei cinque comuni nel mare tra Bisceglie e Molfetta e sulle valide alternative a questo disastroso progetto» attraverso l’iniziativa #notubTorrecalderina, condivisa dai MeetUP di Bisceglie, Molfetta, Ruvo, Corato, Terlizzi.

«Questa condotta è un progetto totalmente enucleato dai programmi di misure di mantenimento e risanamento ambientale di cui alla legge 190/2010 che fra dicembre di quest’anno e marzo dell’anno prossimo pone importanti scadenze agli enti competenti. Enti che a questo punto dovranno ritenersi inadempienti nei confronti dell’intera cittadinanza dei comuni coinvolti e di tutta la regione che, puntualmente, risponde più volte con soldi propri, prima versando gli oneri in bolletta e, poi, impegnando risorse della collettività alle procedure di infrazione della comunità europea per la mancante e insufficiente depurazione dei reflui, senza trascurare i bagni di ‘salute’ nei periodi vacanzieri» scrivono gli esponenti del gruppo.
Un fotogramma del servizio andato in onda lunedì

Un fotogramma del servizio andato in onda lunedì

«Cittadini, tra i cittadini, in forza dei principi di #precauzione #prevenzione e #chiinquinapaga, torneranno sui temi della depurazione dei reflui urbani e industriali, delle potenzialità enormi di un loro riuso, dello stop agli scarichi abusivi in mare e dello stato di salute delle nostre coste e del nostro territorio, caratterizzato da scarsità d’acqua e aumento della salinità. Tutto ciò è necessario ad evitare che esploda un conflitto tra la realizzazione di grandi inutili opere pubbliche e la tutela di salute e ambiente che, invece, dovremmo soltanto migliorare» proseguono gli attivisti

«Non staremo a guardare un’opera progettata per convogliare in mare aperto ogni giorno 60.000 tonnellate di reflui urbani senza render conto delle propedeutiche necessità di offrire alla cittadinanza le garanzie di un’eccellente depurazione, né resteremo a guardare l’impatto drammatico sul territorio (dall’habitat marino a quello costiero, finanche alle insinuazioni in falda) con un’esposizione a danni tanto certi quanto inquantificabili alla salute pubblica, all’indotto turistico, alle attività di pesca e, indirettamente, anche a quelle agricole. I numeri sono chiari: 5 comuni, 210.000 cittadini coinvolti, un costo stimato di 20 milioni di euro pubblici, 60.000 tonnellate di reflui urbani al giorno, 1 sito di importanza comunitaria violato, e almeno 10 chilometri di aree costiere gravate dall’impatto eco-ambientale» affermano convinti i Cittadini a 5 Stelle in MoVimento, sottolineando le «numerose occasioni di incontro e confronto che gli attivisti dei MeetUP di Molfetta, Bisceglie, Corato, Ruvo e Terlizzi porteranno tra le strade nelle prossime settimane per una nuova operazione di #fiatosulcollo rivolta agli amministratori». Per informazioni sulle attività in programma è sufficiente scrivere all’indirizzo mail notubtorrecalderina@yahoo.com

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità // Scritto da Vito Troilo // 2 dicembre 2015