COLPO AMBROSIA A VENAFRO: PROVA DI MATURITA’ DEL COLLETTIVO NERAZZURRO

Sport // Scritto da Vito Troilo // 2 marzo 2014

COLPO AMBROSIA A VENAFRO: PROVA DI MATURITA’ DEL COLLETTIVO NERAZZURRO


Giovanni Gambarota (foto  Domenico Tattoli)

Giovanni Gambarota (foto Domenico Tattoli)


Successo fondamentale per il team di Scoccimarro, ora a -4 dalle seconde

 


Venafro-Ambrosia Bisceglie 71-79

Venafro: Marinello 21 (5-7, 3-8), Carrichiello 28 (8-12, 2-8), Minchella 7 (0-1, 2-3), Ferraro 9 (2-5, 1-1), Vergara 6 (3-7, 0-1), Tamburini (0-4), Seravalli (0-3, 0-2), Brusello. N.e.: Cotugno, Potena. Allenatore: Arturo Mascio.
Ambrosia Bisceglie: Corvino 16 (3-6, 2-4), Torresi 24 (3-3, 4-11), Gambarota 5 (0-2, 1-2), Drigo 6 (0-3, 2-5), Storchi 6 (2-3), Cena 15 (3-3, 3-3), Chiriatti 2 (1-4, 0-1), Abassi 5 (1-2. 1-1), Rianna. N.e.: Falcone. Allenatore: Pasquale Scoccimarro.
Arbitri: Gaudino di Nocera inferiore, Carotenuto di Scafati.
Parziali: 20-19;  35-40; 47-57.
Note: usciti per cinque falli Cena, Corvino, Storchi. Tiri da due: Venafro 18-39, Ambrosia Bisceglie 9-23. Tiri da tre: Venafro 8-23, Ambrosia Bisceglie 15-30. Tiri liberi: Venafro 11-19, Ambrosia Bisceglie 12-15. Rimbalzi: Venafro 29 (20+9, Carrichiello 10), Ambrosia Bisceglie 31 (26+5, Storchi 7). Assist: Venafro 8 (tre con 2), Ambrosia Bisceglie 9 (Torresi, Cena 2).

Una prova di maturità e carattere è valsa il terzo successo in trasferta dell’Ambrosia Bisceglie, corsara sul parquet di Venafro. I nerazzurri si sono imposti sui molisani conducendo per quasi tutta la durata dell’incontro. Una vittoria del collettivo per la quale è risultato determinante il contributo dei giocatori partiti dalla panchina.

Squadre a stretto contatto nel punteggio fino a metà del secondo quarto. Venafro, trascinata di peso dall’ex di turno Ernesto Carrichiello, ha controbattuto alle motivazioni dei nerazzurri, che non hanno sofferto una situazione falli difficile da gestire (Corvino e Storchi a quota tre all’intervallo). Fenny Abassi ha guidato in campo l’Ambrosia efficace e tagliente del terzo quarto, ripetutamente a segno dalla lunga distanza, imbeccando i compagni e in particolare un implacabile Mauro Torresi.

Gli ospiti hanno allungato sul +11 (41-52), sospinti da due triple di Mathias Drigo. Venafro ha prodotto uno sforzo rientrando sul -6 con Roberto Marinello ma prima o poi era inevitabile che i padroni di casa pagassero il rendimento offensivo nullo del secondo quintetto (zero punti), complici le difficoltà di adattamento del nuovo arrivato Matteo Seravalli. Sussulto del team di coach Arturo Mascio in apertura di quarta frazione (55-57 con cinque punti in fila di Marinello), spento da una tripla pesantissima di Giovanni Gambarota, emulato da Enzo Cena.

Bisceglie è squadra vera e quando Ferraro ha colpito per il -4 è toccato al capitano Andrea Storchi scoccare la sua bomba (63-70). I nerazzurri hanno tratto il massimo profitto dal nervosismo di Marinello (fallo tecnico) segnando dalla lunetta i tiri liberi con Valerio Corvino e chiudendo la gara nell’azione susseguente con un altro canestro pesante di Storchi e un jumper di Mauro Torresi (63-77). L’Ambrosia festeggia un’affermazione fondamentale, confermando il quarto posto in classifica e riducendo a sole quattro lunghezze il divario dalle seconde, Agropoli e San Severo, entrambe sconfitte.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 2 marzo 2014