CDP, raggiunto l’accordo tra sindacati e gruppo Universo Salute: salvi tutti i posti di lavoro

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 10 febbraio 2017

CDP, raggiunto l’accordo tra sindacati e gruppo Universo Salute: salvi tutti i posti di lavoro


Alla quarta riunione romana, sindacati e nuovi acquirenti della Casa Divina Provvidenza sembrano aver trovato un accordo sul futuro lavorativo dei 1500 dipendenti dell’Opera Don Uva.

Alla fine del  lungo negoziato che l’Universo Salute srl ha accordato ai lavoratori le garanzie richieste dai lavoratori: mantenimento dell’attuale inquadramento contrattuale, che continuerà ad essere regolato dai CCNL AIOP/ARIS (Case di Cura) e ADOMP/SNABI,  stesso orario settimanale di lavoro ovvero full time e per i dipendenti part-time stessa percentuale di orari, esonero dall’obbligo del periodo di prova e non applicabilità delle clausole del JOBS-ACT.

Universo Salute srl si è inoltre impegnata a non disperdere il patrimonio di professionalità rappresentato dal personale precario, attraverso l’assunzione di tutto il personale a tempo determinato, attualmente in servizio e fino alla scadenza prefissata nei contratti sottoscritti con la CDP con l’applicazione anche nei confronti di questi ultimi del CCNL AIOP/ARIS Case di Cura che è migliorativo rispetto a quello attualmente applicato che è quello previsto per le RSA.

Inoltre ha accordato il progressivo reintegro (con contrato a tempo determinato  indeterminato) di tutti i lavoratori con contratto precari impiegati per almeno 4 mesi durante il periodo di amministrazione straordinaria.

«Siamo soddisfatti per le sorti dei lavoratori della CDP – spiega l’USPPI, il sindacato che più di tutti ha caldeggiato la cordata foggiana. – Abbiamo avuto il coraggio di batterci anche nei confronti di altre sigle per salvaguardare 1500 famiglie che si sarebbero trovate in mezzo alla strada. Quella di oggi è una svolta epocale».

cozzoli2 (1)Invita a reprimere ancora i facili entusiasmi, il commissario straordinario Bartolo Cozzoli, il cui mandato scadrà lunedì 13 febbraio. Esprimendo: «Viva soddisfazione per l’accordo raggiunto all’unanimità e che salvaguarda tutti i lavoratori, anche quelli a tempo determinato – ha puntualizzato che – adesso però  abbiamo ancora da lavorare per poter dire che il salvataggio e la procedura di Amministrazione Straordinaria si sono conclusi con successo» e ricordato che  «l’efficacia dell’accordo ex art. 47 L. 428/90 e 63 D.lgs. n. 270/99 è sospensivamente condizionata al perfezionamento ed all’esecuzione dell’atto di cessione dei Complessi Aziendali, ferme comunque le previsioni del Disciplinare di Gara relativo alla Procedura di Vendita dei complessi aziendali».

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 10 febbraio 2017