Cdp, fumata grigia. Giovedì 9 l’incontro conclusivo?

Attualità // Scritto da Vito Troilo // 4 febbraio 2017

Cdp, fumata grigia. Giovedì 9 l’incontro conclusivo?

I sindacati valuteranno la nuova bozza di accordo presentata da Universo Salute

Il terzo round di incontri fra il gruppo Universo Salute, la Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza in amministrazione straordinaria e i rappresentanti delle organizzazioni sindacali dei lavoratori delle sedi di Bisceglie, Foggia e Potenza si è chiuso con una sostanziale fumata grigia. I sindacati non hanno ancora sottoscritto la bozza di accordo presentata dagli acquirenti: un verbale d’intesa sarà proposto giovedì 9 febbraio, nel quarto appuntamento presso il ministero dello sviluppo economico.

Venerdì, in apertura di riunione, il Commissario Straordinario Bartolo Cozzoli ha comunicato che, all’esito delle verifiche effettuate, non sarebbe stato possibile procedere al passaggio dei lavoratori senza soluzione di continuità pena la decadenza dal diritto di accesso al fondo di garanzia Inps e al fondo tesoreria Inps per la liquidazione del trattamento di fine rapporto. Il gruppo Universo Salute degli imprenditori foggiani Paolo Telesforo e Michele D’Alba ha dovuto presentare un nuovo documento, accolto senza particolari riserve dall’Usppi mentre le altre sigle hanno chiesto di sottoporre il testo a una più ampia consultazione da parte dei dipendenti.

Giuseppe Mesto, componente della segreteria nazionale Ugl sanità e segretario regionale Ugl sanità, ha giudicato positiva «l’intesa raggiunta sul salvataggio dell’articolo 18 e la rinuncia al Jobs Act come garanzia a favore della stabilità occupazionale dei lavoratori» annunciando la necessità di modifiche in materia contrattuale.

«È stata raggiunta una prima parziale intesa tra azienda e il nostro sindacato. Si è così agevolata l’apertura di una nuova fase interlocutoria che auspichiamo venga prorogata, oltre il 13 febbraio, data prevista per il perfezionamento dell’atto di cessione aziendale» ha aggiunto. «In ogni caso riteniamo sia stato fatto il primo passo verso quel rilancio aziendale capace di trovare le chiavi della ripresa anche in vista di una stabilizzazione futura dei lavoratori precari, nonostante gli standard richiesti e la pressione imposta dal mercato competitivo della sanità privata».

Nicola Brescia, segretario nazionale dell’Usppi, non nasconde la sua preoccupazione: «Abbiamo pochissimi giorni per salvare le sorti dei lavoratori della Cdp e pretendiamo una risoluzione definitiva con l’acquisizione del gruppo Universo Salute che è l’unico a poter garantire i livelli occupazionali.

Le diatribe portate avanti da altre sigle sono fuorvianti e inopportune in questo momento dove abbiamo il compito di salvaguardare 1500 famiglie che si troverebbero in mezzo alla strada. Siamo al momento della svolta, è un passo importante quello di oggi per non paralizzare i servizi del Don Uva e salvaguardare i posti di lavoro. Siamo fiduciosi e combattivi per la piena riuscita della vertenza in atto».

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità // Scritto da Vito Troilo // 4 febbraio 2017