Cdp, Emiliano smentisce un interesse della regione Puglia: «Ricostruzioni fantasiose»

Attualità // Scritto da Vito Troilo // 9 gennaio 2017

Cdp, Emiliano smentisce un interesse della regione Puglia: «Ricostruzioni fantasiose»

Il 18 gennaio secondo incontro al Mise fra Universo Salute, Cozzoli e sindacati

«Un interesse della regione per l’opera Don Uva? Ricostruzioni fantasiose». Michele Emiliano ha liquidato in poche parole, scambiate coi colleghi del sito foggiano l’Immediato, la questione recentemente sollevata da alcune indiscrezioni riguardo un’ipotesi dei gestione in house delle strutture di Bisceglie e Foggia della Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza, da dicembre 2013 in amministrazione straordinaria. Il presidente della regione Puglia fu già categorico il 6 ottobre del 2015, quando nell’aula di via Capruzzi, nel corso del dibattito sul tema, escluse la possibilità di un impegno diretto dell’Ente per l’acquisizione della Cdp.

Più che rumors pare a questo punto si sia tratto di auspici manifestati ad alta voce da alcune organizzazioni sindacali, che non sembrano essere entrate in sintonia col gruppo Universo Salute srl, in pole position per subentrare alla guida della Casa della Divina Provvidenza. L’incontro di giovedì 5 gennaio presso il ministero dello sviluppo economico ha provocato reazioni differenti fra le sigle che rappresentano gli oltre 1500 lavoratori di Bisceglie, Foggia e Potenza. L’offerta presentata dagli imprenditori dauni Paolo Telesforo e Michele D’Alba ha superato un primo steccato posto dal Commissario Straordinario Bartolo Cozzoli attraverso un piano dettagliato di risanamento dell’azienda, sommersa a fine 2013 sotto una montagna di 500 milioni di euro di debiti. Mercoledì 18 gennaio, nella capitale, è in programma il secondo incontro fra le parti presso il Mise.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità // Scritto da Vito Troilo // 9 gennaio 2017