Cdp, confermato il sequestro dei 561mila euro sui conti destinati alla beatificazione di don Uva

Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 23 giugno 2014

Cdp, confermato il sequestro dei 561mila euro sui conti destinati alla beatificazione di don Uva


561mila euro, virgola in più virgola in meno, che ufficialmente sarebbero serviti a finanziare gli eventi per la beatificazione di Don Uva. Erano deposti su due conti correnti accesi nelle filiali di Andria del Banco di Napoli e Banca Prossima, banca del Gruppo Intesa Sanpaolo dedicata esclusivamente al mondo nonprofit laico e religioso. Soldi già “santi”, perché sulla carta derivanti da oboli dei cittadini utili a finanziare il processo
di beatificazione del fondatore della Casa Divina Provvidenza, don Pasquale Uva.
La causa di beatificazione di Don Uva presso la «Congregazione per le cause dei santi» è in corso da due anni, esattamente dal 10 maggio 2012, quando fu promulgato il decreto che lo dichiara venerabile.

I due conti riconducibili al postulatore beatificazione Don Uva, furono accesi rispettivamente il 10 maggio 2000 (23.000 euro) e 23 aprile 2001 (537.000 euro), per un totale di 561.000 euro, di cui pare solo 80.000 derivino effettivamente dalle offerte dei fedeli. Il resto, sarebbe opera della Divina Provvidenza nel senso proprio della parola: fondi dell’Ente ecclesiastico che potrebbero essere stati dirottati sottobanco sui due conti, al pari dei 27 milioni di euro sequestrati sui conti della ex filiale Cdp di Guidonia.

Il sequestro preventivo del 26 luglio 2012, disposto dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani Rossella Volpe, è stato confermato dal Tribunale del Riesame per le Misure Reali di Trani in data 20 giugno. Suor Marcella Cesa, plenipotenziaria della Casa Divina Provvidenza fino al subentro del commissario straordinario Bartolo Cozzoli, ha difatti depositato a pochi minuti dall’udienza, la rinuncia al ricorso avverso il provvedimento di sequestro.

Serena Ferrara

Chi è Serena Ferrara

Giornalista pubblicista dal 2005, pianista nella sua prima vita, dirige "La Diretta nuova" (oggi mensile cartaceo "Bisceglie in Diretta") dal 2008 e www.bisceglieindiretta.it dalla sua nascita. Impegnata nel volontariato, cameraman, si occupa anche di comunicazione istituzionale e di grafica




Attualità // Scritto da Serena Ferrara // 23 giugno 2014