Le dichiarazioni di Casella dopo l’approvazione del rendiconto 2014

Politica // Scritto da Fabrizio Ardito // 5 giugno 2015

Le dichiarazioni di Casella dopo l’approvazione del rendiconto 2014


Lascia ad un commento su Facebook tutta la sua desolazione e la sua costernazione Gianni Casella (Dc) che, dopo l’approvazione del rendiconto 2014 durante il consiglio comunale di ieri (leggi anche: “Consiglio comunale: approvato il bilancio consuntivo“), si lancia in un lungo “j’accuse” contro coloro che «volevano liberarsi della vecchia politica», ma che invece, a detta dell’ex candidato sindaco, è stata soltanto capace di produrre debiti fuori bilancio e di rimanere inerme di fronte ai problemi della città.

CHE TRISTEZZA! Ieri sera sono stato in consiglio comunale per discutere ancora una volta del rendiconto anno 2014, a parte la desolazione di non poter confrontarsi con una maggioranza silente e distaccata dai problemi reali della città (ma ormai è consuetudine, basta vedere le riprese in tv del consiglio comunale), ciò che è apparso in modo palese è la mancanza di programmazione e di priorità di sviluppo della nostra Bisceglie. Sono passati ormai 2 anni dalla famosa e triste campagna elettorale del 2013 che mi vedeva contrapposto all’attuale sindaco Spina: tante promesse, tante bugie, poche verità. Volevano liberarsi della vecchia politica, tracciare una nuova vita amministrativa che rilanciasse la nostra città. Bene, credo che se così fosse in due anni a cui bisognerebbe aggiungerne altri sette, la nostra città sarebbe oggi un fiore all’occhiello della regione Puglia.

Mi chiedo e Vi chiedo se viviamo in una città in cui c’è sicurezza per i cittadini, se esiste un piano del decoro urbano, se esistono degli investimenti sul piano sociale e culturale che possano garantire servizi e arricchimento per la nostra storia e la nostra cultura, se esiste una priorità di sviluppo che generi investimenti ben precisi, crei occupazione e dia lavoro alle nostre aziende BISCEGLIESI, se viviamo in una città che possa considerarsi PULITA visto che abbiamo pagato in modo oneroso la tassa sulla spazzatura, se esiste la volontà di predisporre un piano sul lavoro e l’occupazione biscegliese visto che il tasso di disoccupazione giovanile è oltre il 51%, se in questo momento di crisi i nostri commercianti e artigiani possono essere aiutati attraverso forme di incentivazioni o piani strategici di coinvolgimento sociale, se esiste un piano di aggregazione associativo al fine di poter dare alle associazioni presenti sul territorio possibilità di fare proposte e trarne vantaggio sociale, se esiste un piano di programmazione manutentivo della nostra città che si adoperi alle necessità e urgenze del territorio (scuole, strade ecc.), se esiste la volontà di far partecipare i cittadini alle scelte strategiche e future attraverso il BILANCIO PARTECIPATIVO, se esiste una precisa volontà di contenere gli sprechi della spesa pubblica per evitare una tassazione elevata ai cittadini.

Nulla di tutto questo si continua a discutere di solo debiti fuori bilancio per oltre 3 milioni di euro solo nel 2014 e quasi sicuramente un impegno di denaro per l’anno 2015 accertato per un ulteriore milionetrecentocinquantamila.
Pensate un po’, l’avanzo di amministrazione di 221.000,00€ è stato già vincolato per coprire i debiti futuri e non potrà essere destinato a ciò che necessità per la nostra città.
Mi guardo attorno e cerco di vedere oltre nella speranza che qualcuno si redima e si svegli e che inizi veramente a cambiare qualcosa, ma credo che questo non sarà possibile per un semplice motivo non c’è AMORE per la città, non c’è AMORE per quello che si fa e si vuol fare, ecco si AMORE E PASSIONE elementi fondamentali per far qualcosa di buono.
Per questo motivo non bisogna lamentarsi quando gli elettori snobbano le campagne elettorali con il solo 39% dei votanti, la risposta credo sia tutta qua…lascio a voi il giudizio finale e credetemi ciò che ho scritto non è il frutto di pura inventiva ma di assoluta verità.

Fabrizio Ardito

Chi è Fabrizio Ardito

Giornalista pubblicista dal 2012, è studente di Marketing e Comunicazione. E' l'ispiratore dello spazio web del giornale cartaceo (all'inizio per l'allora Diretta Nuova, ora Bisceglie in Diretta), di cui è stato responsabile. Tra i suoi interessi ci sono la Politica, la Comunicazione, la Statistica, l'Astronomia e l'Informatica. Attualmente è redattore di Bisceglie in Diretta.




Politica // Scritto da Fabrizio Ardito // 5 giugno 2015