CALICI NEL BORGO ANTICO OVVERO… Méire bbóune a Vescègghie vécchie

Cultura / Eventi / Il Graffio del Gattino / Rubriche // Scritto da Nicola Ambrosino // 23 novembre 2013

CALICI NEL BORGO ANTICO OVVERO… Méire bbóune a Vescègghie vécchie


caliciQuando un evento entra nel cuore della gente, accade vi siano anche manifestazioni artistiche spontanee pronte a celebrarne i fasti. Il fervore creativo di Nicola Ambrosino, colpisce ancora. E ci restituisce un ritratto di quello che è sicuramente l’evento più significativo, tra quelli dedicati al vino, della stagione autunnale. Un brulicare sano di gente di ogni specie per i portoni nobili e meno nobili del sempre fascinoso centro storico di Bisceglie. Altolocati e nullatenenti, umili e sprezzanti, intenditore veri e simulati, maestri di gastronomia e  trasformisti che della propria ignoranza in fatto di gastronomia, fanno una menzogna artistica, folcloristica, ben confezionata: tutti sono pronti ad assaggiare, degustare  diventare brilli un sorso dopo l’altro. L’importante, durante Calici nel Borgo Antico, è brindare, alla salute. Quella di tutti, “belli e brutti”, finti e veri, amici e sconosciuti.  Possibilmente, senza esagerare. Altrimenti, ci avverte Ambrosino, la festa diventa occasione di guai….

Serena Ferrara

 

Calici nel Borgo Antico
ovvero… Méire bbóune a Vescègghie vécchie
(di Nicola Ambrosino)

Tanda ggénde acchemegghiòte,
spendenèzze e altolocòte…
inde a chèsse e dó seròte
te le véde tutte azzuzzòte.

Pu becchéire inde a na’ méine…
chessa sèlve de crestiéine…
paréne tènda ‘mbriachìune
‘nnènze a tavue , inde a pertìune.

Pe uagnìune e segnoréne…
nà trendéne de candéne…
inde o Vurghe…proprie dò…
méire facéne assaprò.

Mèire nérghe, de Quaròte…
pó da Tréine, stà u “Moscòte”;
du Salénde stà u rosòte…
de la Murge… u chiù accattòte!

Ce ne véve próprie assaie
lèste ‘ngappe in qualche guaie;
friscke pòre o canarouzze…
ma de còpe…nan stè souzze!

C’inde o stoméche u vou pertò…
du taradde sià mangiò…
ce se néune…in veritò…
de cherrénne…u vè a buttò!

Pe fernèsce…ve salìute…
e me fazze nà vevìute…
alla salìute assà de tutte…
vescegghiése bèlle…e brutte.




Cultura / Eventi / Il Graffio del Gattino / Rubriche // Scritto da Nicola Ambrosino // 23 novembre 2013