CALCIO, UNIONE: UN DOPOGARA CON ARRIVI E PARTENZE

Sport // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 10 dicembre 2013

CALCIO, UNIONE: UN DOPOGARA CON ARRIVI E PARTENZE


Angelo Carlucci (foto: Antonio Pedone)

Angelo Carlucci (foto: Antonio Pedone)

Nell’ultimo turno del campionato di Promozione l’Unione è tornata a conoscere l’acre gusto della sconfitta, dopo le due vittorie consecutive contro Carapelle e Nuova Andria.

Una sconfitta che, tirate le somme, non sposta la bontà dei giudizi sul gruppo di mister Francesco Modesto ma che certamente rischia di ridimensionare chi pensava ad un ritorno immediato nei piani alti degli azzurri.

Per valori di rischio il match di domenica era assolutamente da prendere con le pinze, contro un Cellamare societariamente solido e con una formazione compatta, unica acerrima rivale del Monte S. Angelo per fregiarsi del titolo di terzo incomodo del torneo.

Angelo Carlucci spiega le ragioni di questa ennesima sconfitta stagionale, gran parte attribuita al cattivo rendimento del direttore di gara:

“Il 2-1 rimediato contro il Cellamare ha lasciato in tutti noi un po’ di amaro in bocca perché si è trattato di uno stop inatteso anche per le modalità con cui è maturato. Abbiamo disputato buona parte della gara con due uomini in più, tuttavia la direzione di gara non ha soddisfatto entrambe le compagini. A noi è stato negato un gol regolare, tra l’altro valido per l’assistente di linea, e nel finale l’arbitro non ci ha concesso un rigore molto netto. Vista la doppia superiorità numerica, abbiamo cercato in tutti i modi di recuperare lo svantaggio, ma i nostri tentativi sono risultati poco ordinati. Il Cellamare, d’altra parte, ha difeso il risultato con pragmatismo. A loro va il merito di esser riusciti in tale intento”.

Nell’attesa dell’ufficialità del recupero contro il Giovinazzo, lo sguardo è rivolto alla Real BAT:

“Non bisogna dimenticare, però, che dovremo recuperare la gara contro il Giovinazzo. Naturalmente cercheremo di fare meglio già nel match casalingo di domenica prossima contro il Real Bat. Non sarà semplice, tuttavia le nostre ambizioni playoff restano intatte. La dirigenza ha espresso chiaramente qual è l’obiettivo di questa stagione e sta intervenendo sul mercato per dare ulteriore consistenza a tali speranze, ora tocca a noi. Siamo consapevoli del nostro potenziale, per questo dovremo mettercela tutta”.

Sul fronte mercato invernale, qualcosa si è già mosso sia in entrata che in uscita. Come già accennato, la novità e rappresentata da Michele Porcelluzzi, barlettano classe 1989, proveniente dall’Ascoli Satriano e vecchia conoscenza del calcio biscegliese, avendo militato cinque stagioni orsono nelle fila neroazzurre (23 presenze e 4 gol, ndr). Andria BAT, Catania, Sogliano e Corato le altre tappe della sua carriera. Nelle ultime due stagioni ha portato alla formazione dauna una massiccia quantitá di gol tale da premiarlo come miglior cannoniere del biennio nella sua categoria.

Dall’altro canto salutano il team di Enzo Pedone Cantarale, Compierchio (svincolati), Dimmito (destinazione Canosa) e Vincenzo Silvestri, accasatosi sempre in Promozione al Gravina.

Chi è Bartolomeo Pasquale

Bartolomeo Pasquale nasce a Molfetta il 15 Gennaio 1987. All'età di dodici anni vince il premio speciale alla seconda edizione del premio scolastico "Vincenzo Fata" con il video-report dal titolo "Bisceglie in dieci minuti". Redattore per Bisceglie in diretta dal 2008, è stato presentatore per programmi radiofonici, spettacoli e contest, conseguendo il titolo di giornalista pubblicista nel 2010. Laureato in Giurisprudenza con tesi in Diritto del Lavoro presso l'Università degli Studi di Bari, è praticante avvocato dal Novembre 2012.




Sport // Scritto da Bartolomeo Pasquale // 10 dicembre 2013