CALCIO, IL PREGARA DI TRANI-BISCEGLIE

Sport // Scritto da Vito Troilo // 12 gennaio 2013

CALCIO, IL PREGARA DI TRANI-BISCEGLIE


Un'immagine delle due squadre prima dell'inizio del match d'andata (foto Domenico Aurora - www.bisceglieindiretta.it)

Un’immagine delle due squadre prima dell’inizio del match d’andata (foto Domenico Aurora – www.bisceglieindiretta.it)

DOMENICA LIVE SPORT dalle ore 14:15 su www.bisceglieindiretta.it

TUTTI I RISULTATI DELLO SPORT BISCEGLIESE NELLA SEZIONE “CIFREdiSPORT

Il clima è talmente teso al punto che si discute di quanto potrebbe accadere sugli spalti piuttosto che sul rettangolo di gioco. Il proprietario del club tranese, Paolo Abruzzese, ha esplicitamente invitato a restare a casa coloro i quali fossero intenzionati a contestare la squadra in caso di netta sconfitta.

Fortis Trani-Bisceglie dovrebbe essere semplicemente una partita di calcio, malgrado qualcuno tema possa trasformarsi in un regolamento di conti interno fra una proprietà in evidenti difficoltà di gestione e una tifoseria infuriata per quanto ha già dovuto sopportare.

Le principali espressioni calcistiche delle due città si affrontano per la 65a volta, con un bilancio di 15 vittorie tranesi, 12 pareggi e 5 successi biscegliesi nelle gare disputate al comunale di Trani.

Record 2-2-14, sette sconfitte consecutive, cinque allenatori e 43 atleti ruotati nelle prime 18 gare di campionato: il bilancio del team presieduto da Paolo Abruzzese è tutt’altro che in linea con le premesse e le promesse estive. Malgrado ciò, il Bisceglie, nello scomodo ruolo di favorita che ha tutto da perdere, non può non tenere conto dell’atmosfera particolare di un derby, in cui può succedere che anche un’abissale differenza di valori in campo possa essere annullata da altri fattori, primo fra tutti la motivazione e l’orgoglio della squadra meno attrezzata.

I nerazzurri hanno lavorato sodo, nel corso della settimana, soprattutto sull’aspetto mentale. La sgambata di giovedì pomeriggio con la formazione Berretti dell’Andria Bat (7-1, quattro centri per Giuseppe Genchi) è stata utile a mister Nicola Ragno per provare il nuovo arrivato Alessio D’Imporzano nel delicato ruolo di mediano lasciato scoperto dallo squalificato Antonio La Fortezza. Sarà assente anche Alessandro Sabini.

Il tecnico molfettese scioglierà il solito dubbio sullo schieramento da proporre soltanto nelle ore precedenti la partita. L’impressione è che il Bisceglie giocherà con il 4-3-3 con l’intenzione di chiudere i conti nei primi minuti della gara, con ogni probabilità utilizzando una formazione molto simile a quella che ha raggiunto e superato il Brindisi domenica scorsa, tenendo conto della maggiore spinta fornita dai calciatori subentrati.

Il Trani, che al “Gustavo Ventura” limitò i danni (perse “solo” 2-1, andando a segno nel recupero, una gara a senso unico in cui i nerazzurri sprecano almeno 7-8 nitide palle gol), ha letteralmente stravolto il roster di inizio stagione. Fra i biancazzurri non ci sarà lo squalificato centrocampista Paolo De Guido. Il tecnico Aquino cercherà di limitare i danni con un 5-3-2, in ogni caso tutto da inventare.

La delicatissima gara è stata affidata al veronese Andrea Moraglia, che sarà coadiuvato da due assistenti tarantini, Pacifico e Basso. Calcio d’inizio alle ore 14:30.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Sport // Scritto da Vito Troilo // 12 gennaio 2013