SANTOS CLUB-FUTSAL MESSAPIA 2-3 | Gialloblu beffati al fotofinish

Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 20 settembre 2015

SANTOS CLUB-FUTSAL MESSAPIA 2-3 | Gialloblu beffati al fotofinish


Sconfitta casalinga per il team di mister Tritto che proverà a rifarsi già martedì a Molfetta nel turno infrasettimanale

Santos Club-Futsal Messapia 2-3

Santos Club: Di Pilato, Uva, De Gennaro, Lavolpicella, D’Elia, Formicola, G. Di Benedetto, La Notte, Gallo, Mugeo, S. Di Benedetto, Di Fazio. Allenatore: Francesco Tritto.
Futsal Messapia:
Grande, Conte, A. Zaccaria, V. Zaccaria, Caselli, Tomassini, Romano, Perseo, Ucci, Putignano, Paciullo, Micia. Allenatore: Cosimo Di Serio.
Arbitri: De Candia di Molfetta, Delcuratolo di Barletta.
Reti:
25° Gallo, 35° pt Perseo, 42° Tomassini, 46° G. Di Benedetto, 59° Paciullo.
Note:
ammoniti La Notte, G. Di Benedetto, De Gennaro.

Esordio in campionato amaro per il Santos Club, beffato negli ultimi secondi di gara dal Futsal Messapia. Nella prima giornata del massimo campionato regionale di futsal maschile, i biscegliesi del presidente Sangilli non demeritano, al cospetto di una delle formazioni più attrezzate del girone.

Privo degli infortunati Lamanuzzi e Muggeo, mister Tritto affida il quintetto iniziale a Di Pilato, Uva, capitan Lavolpicella, De Gennaro e D’Elia. I brindisini rispondono con Grande, capitan Alessio Zaccaria, Valerio Zaccaria, Caselli e Romano. Buona la cornice di pubblico presente sulla tribuna del centro sportivo “Aurora”, nonostante caratterizzato da un caldo eccessivo.

Pronti, via, la prima occasione capita sul piede di De Gennaro che, servito in area, non sfrutta al meglio l’occasione. Scampato il pericolo, il Futsal Messapia inizia lentamente ad affacciarsi dalle parti dell’estremo Di Pilato: ci provano Valerio Zaccaria e Caselli, quest’ultimo autore, pochi minuti dopo, di un salvataggio provvidenziale sulla linea di porta su un tiro del gialloblu D’Elia.
Sulla successiva ribattuta, Lavolpicella calcia a botta sicura verso la porta ospite, ma Grande si supera sulla conclusione del capitano biscegliese, ripetendosi pochi secondi dopo su un tap-in del pivot D’Elia.

Al 16° vibranti proteste della panchina nerazzurra per un penalty non concesso per un intervento in area ai danni di De Gennaro, il quale si preparava alla conclusione prima priva dopo la parata del portiere ospite su una sassata di Lavolpicella.

Al 19° gli ospiti si affacciano dalle parti di Di Pilato con Paciullo, ma è ottima la risposta dell’estremo locale; un minuto è De Gennaro, con un velenoso diagonale dalla sinistra, a mettere alla prova i riflessi del portiere ospite. Al 23° ancora un portiere protagonista, stavolta quello biscegliese: complice un errore della difensivo locale, scatta il contropiede dei brindisini Valerio Zaccaria e Romano, ma il numero uno locale risolve in uscita il 2 vs 1, sradicando il pallone dai piedi di uno dei due giocatori. Una prodezza, quella di Valerio Di Pilato, che vale quanto un gol.

Scampato il pericolo, mister Tritto chiama immediatamente il time-out e dando spazio all’esperto Gallo. Scelta che si rivela azzeccatissima, visto che, al 25°, arriva il vantaggio del Santos Club: è proprio l’esperto pivot Stefano Gallo a firmare il primo gol dei biscegliesi in Serie C1, sfruttando a pieno l’assist dalla sinistra di De Gennaro, quest’ultimo autore di una grande giocata personale che ha mandato in tilt difesa e portiere avversario.

Passano 180 secondi e sia lo stesso Gallo che De Gennaro sfiorano la rete del raddoppio. Scaduti i 30 minuti di gioco, gli arbitri concedono due minuti di recupero, che diventeranno cinque a causa dell‘infortunio alla caviglia capitato ai danni di capitan Lavolpicella e agli animi accesi in campo: la formazione di casa non aveva gradito il comportamento dei giocatori ospiti, che, pur con l’uomo a terra, avevano fatto ripartire l’azione dalla propria metà campo andando spediti verso la porta locale. Così, con i biscegliesi provati emotivamente per l’infortunio capitato ai danni di Lavolpicella (fascia da capitano affidata a Francesco Uva) e per i momenti di nervosismo vissuti pochi istanti prima, si torna a giocare al 35°, dopo ben quattro minuti: il Santos Club viene colpito quasi a freddo nell’unica azione costruita dagli ospiti nel recupero, subendo la rete del pari firmata Perseo su assist di Paciullo.

La rete messa a segno allo scadere del primo tempo rivitalizza il team ospite, sceso in campo con maggior fiducia nella ripresa: arrivano le occasioni capitate a Valerio Zaccaria e Caselli, mentre Romano al 38° manca clamorosamente il tap-in sotto porta dopo un ottimo suggerimento dalla sinistra. E’ il preludio al gol dell‘1-2, che arriva al 42° grazie ad un’invenzione di Tomassini, autore di un’improvvisa sassata da fuori che sorprende Di Pilato.

Il Santos Club, tuttavia, non si disunisce e prima ci prova con De Gennaro al 43°, ma, tre minuti dopo, arriva la rete del 2-2 firmata da Gianluca Di Benedetto che, dalla banda sinistra, insacca un perfetto suggerimento del pivot D’Elia.

Al 47° una grossolana disattenzione difensiva biscegliese rischia di gettare alle ortiche il risultato, ma ci pensa Di Pilato a risolvere con un bell’intervento ravvicinato su Romano. Al 52° Paciullo manca la rete del definitivo sorpasso, ma si rifà allo scadere, precisamente al 59°, depositando in rete un suggerimento dalla sinistra di Caselli.

Una beffa che arriva proprio al fotofinish, senza neanche avere il tempo per reagire: nell’unico minuto di recupero concesso dalla coppia arbitrale arriva un’occasione creata da De Gennaro, ma Grande difende la porta biancazzurra, stendendosi in corner.

Bisognerà smaltire subito la delusione e concentrarsi al meglio all’imminente impegno di martedì sera: alle 21 al PalaFiorentini (ex Don Sturzo) di Molfetta, il Santos Club afrronterà i padroni di casa delle Aquile, vittoriose in rimonta (3-4) in quel di Andria.

Nicola Colangelo

Chi è Nicola Colangelo

Redattore sportivo, ha iniziato la sua collaborazione con Bisceglie in diretta a partire da ottobre 2012. Attualmente è impegnato negli studi universitari con il corso di laurea in Scienze della comunicazione.




Sport // Scritto da Nicola Colangelo // 20 settembre 2015