Buon anno… in rima

Cultura // Scritto da Pasquale Consiglio // 1 gennaio 2017

Buon anno… in rima


A chi si è svegliato stamattina
senza interrompere il discorso
iniziato appen la sera prima
ma pur sempre dell’anno trascorso
A lui rivolgo il mio Buon Anno!
Con l’augurio di trovar nuove parole
che al prossimo non arrechin solo danno
ma tanta gioia quanta ce ne vuole!
A chi s’è alzato col pensiero
di portare a compimento un attentato
Voglio augurar di non esserne più fiero
È roba vecchia! E’ dell’anno passato!
A chi ai giovani promette
lavoro e prosperità
Mentre in realtà son solo barzellette
perché gli offre solo povertà
A lui va l’augurio mio
perché in questo nuovo anno
sia capace di dare l’avvio
a un futuro senza alcun affanno
A chi da tempo s’è incollato
nello Stato a una comoda poltrona
auguro un sedere malandato
che si ribelli una volta buona!
A chi era in lite col vicino
e voleva eliminarlo l’anno nuovo
auguro di ritornar bambino
e cresca la sua mente nel rinnovo
A chi lascia appeso alla parete
il mese di dicembre ormai passato
Voglio gridar novelle liete:
Un Anno nuovo oggi è cominciato!




Cultura // Scritto da Pasquale Consiglio // 1 gennaio 2017