BLOG | Via Aldo Moro pedonale concettualmente vale tanto

BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 7 dicembre 2016

BLOG | Via Aldo Moro pedonale concettualmente vale tanto


Mario

Le opere pubbliche, dalle più piccole alle più grandi e impegnative, restituiscono zone della città più belle, più moderne, più funzionali. Concettualmente dovrebbe essere così, poi uno pensa al waterfront e gli viene qualche dubbio.

L’area pedonale di via Aldo Moro che si va a inaugurare oggi è invece un’opera che, sempre concettualmente parlando, dovrebbe portare un cambiamento culturale nel vivere la città e nell’affrontare la sfida di un commercio moderno, sostenibile e di qualità.

Quest’opera assolutamente necessaria e (come si è visto finora salvo smentite nel tempo) ben realizzata, avrà raggiunto il suo più alto e nobile obiettivo quando si ridimensioneranno e infine annulleranno certe solite lamentele in ordine a:

  • Dove parcheggiare l’auto per i residenti
  • Come far arrivare i clienti con l’auto fin sotto la vetrina del negozio
  • Come raggiungere la stazione (sì, qualcuno si è lamentato pure di questo… ecchec..)
  • Varie ed eventuali.

Chi ha scommesso su questa opera, ha scommesso contro questi antichi e nefasti preconcetti che mortificano -insieme ad altri atavici vizi nella vita pubblica- la crescita della città.

Una crescita non può prescindere da cambiamenti radicali. Come quello, per tanti biscegliesi, di muoversi di più senza auto.

Mario Lamanuzzi

Chi è Mario Lamanuzzi

Da oltre 25 anni si occupa di giornalismo locale. Cofondatore de "La Diretta", nel 1999 ha fondato “Bisceglie quindici giorni”, dirigendolo fino al 2003. Ha diretto, in passato, anche i portali Bisceglielive e Molfettalive.




BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 7 dicembre 2016