BLOG | Solo non si vedono i due liocorni

Attualità / BLOG / BUONANOTTE // Scritto da Vito Troilo // 14 marzo 2017

BLOG | Solo non si vedono i due liocorni


Blog Vito

Il simpaticissimo Nicola Mallardi, storico esponente del Partito Democratico e complemento d’arredo (almeno quanto il sottoscritto) del bar della pompa bianca di via Mauro Giuliani, ha provato ancora una volta a convincermi dell’esistenza di un progetto amministrativo di centrosinistra per questa città. Riuscirci, lo ammetto, è impresa ardua in virtù del combinato disposto tra la mia notevole diffidenza e una semplice constatazione più generica sulla credibilità della coalizione che si dovrebbe formare nel tentativo di mettere insieme un numero cospicuo di voti per cercare di conquistare almeno il ballottaggio.

Parto da un presupposto: se solo due anni fa avessi scritto che Francesco Spina, Enzo Di Pierro e Vittorio Fata sarebbero stati tra i fautori di un’aggregazione del centrosinistra biscegliese avrei meritatamente usufruito di un trattamento sanitario obbligatorio. Eppure la prospettiva sembra proprio questa: tre amministratori locali conosciuti per aver segnato la storia cittadina del Ccd (sigla che a Bisceglie, negli anni ’90, significava “Come Contò dispone”), di Alleanza Nazionale e di Forza Italia spingono per un accordo con Franco Napoletano, ex sindaco comunista, tutt’altro che gradito a quelli che, al contrario, dovrebbero essergli più affini per schieramento. La faccenda suscita una quantità di ironie sufficiente alla prosecuzione di questo blog per diversi anni.

Non c’è nulla di più rocambolesco della politica. Prendete l’attuale primo cittadino, le cui difficoltà di relazione con un giornale libero come il nostro fanno sorridere perché pur essendo un uomo adulto e vaccinato proprio non riesce a capire come sia possibile l’esistenza di un organo d’informazione indipendente (Francesco, prometto che un giorno te lo spiegherò): quando fu vigliaccamente sfiduciato non in consiglio comunale ma nelle stanze di uno studio notarile l’ultimo dei 13 firmatari a decidere di mandarlo a casa fu Angelantonio Angarano, l’unico rappresentante del Partito Democratico nell’assemblea. Un caso di coscienza? Per carità… La prospettiva che il Pd potesse fare da stampella all’amministrazione Spina bis, partecipando al rimpasto di giunta con un assessore “tecnico”, fu valutata ma non se ne fece più nulla. La cosa dispiacque soprattutto a Tommaso Galantino, da tempo promosso a viceguru spiniano alle spalle dell’insostituibile Enzo Di Pinto (colui che tutto scrive e mai appare).

In quei giorni del 2013 ho scritto, quando non ero piegato in due dalle risate, dei “raduni” nel portone del notaio di un’improbabile formazione eterogenea, guidata, carta e penna, dal solerte senatore Francesco Amoruso: c’era anche Giovanni Papagni di Sel, la cui attività politica e per la città è proseguita in modo costante, da vero punto di riferimento per la sinistra biscegliese… Dai, scherzo: come quando qualcuno, con sprezzo del ridicolo, mi definì “di destra”, mandando in crisi esistenziale il caro Vincenzo De Pinto e tutti i fascisti veri (cui va la più totale solidarietà per essere stati accostati addirittura a me).

Questo “nuovo” Pd biscegliese mi piace: non vedo l’ora di assistere al congresso cittadino per poter prendere nota (quanti taccuini devo portare?) degli interessanti contenuti che sicuramente emergeranno, nel corso del dibattito, dagli interventi dei consiglieri comunali di maggioranza, così loquaci e puntuali nelle loro analisi politico-amministrative. Ritengo fondamentale conoscere quale idea di coalizione preferisca Natale Monopoli e se magari, secondo Angela Pasquale, il Pd dovrebbe guardare ai moderati piuttosto che al suo fianco sinistro. La prospettiva di un’attrazione dei centristi troverà favorevole Sannicandro e meno morbido Di Tullio? Il Jobs Act, strenuamente difeso da Enzo Di Pierro nella celebre intervista su “La 7” (al costo persino di chiamarlo in un’altra maniera!), sarebbe da modificare o no secondo l’opinione di Marianna De Toma? Sul reddito di cittadinanza o di dignità Caprioli e Consiglio la pensano allo stesso modo? Bellissimo, sono già pronto ad ascoltare!

E facciamolo questo congresso: l’ha dichiarato anche Francesco Boccia, che sono certo supererà le “piccole incomprensioni” con Spina (in fondo non si sono mica detti chissà cosa negli ultimi anni, vero?). Un Partito Democratico forte, compatto e soprattutto credibile potrà finalmente esercitare la golden share sulla coalizione di centrosinistra e regalarci altre grandissime emozioni organizzando le primarie: un’autentica festa della marmellata che decreterà il prossimo candidato sindaco unitario!

E li immagino già, tutti insieme appassionatamente, sul palco, in una piazza Vittorio Emanuele gremita come se non ci fosse un domani: Francesco Boccia e Francesco Spina abbracciati, Enzo Di Pinto e Tommaso Galantino (entrambi con gli occhi lucidi), Nicola Mallardi in brodo di giuggiole, Gianni Naglieri folgorato sulla via di Damasco stretto stretto a Pompeo Camero (in rigorosa diretta facebook, si capisce!), Enzo Di Pierro e Vittorio Fata che per un attimo penseranno di aver sbagliato comizio, Angelantonio Angarano e Roberta Rigante, Franco Napoletano e Giovanni Valente, Giovanni Papagni e quelli del Circolo “Peppino Impastato” (li avevate dimenticati!) insieme ai consiglieri comunali di maggioranza e agli assessori… Vi scongiuro, non svegliatemi da questo sogno!

Questo è il centrosinistra che ho sempre desiderato. Solo non si vedono i due liocorni. Buonanotte.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità / BLOG / BUONANOTTE // Scritto da Vito Troilo // 14 marzo 2017