BLOG | Nel 1980 non ero nato ma quel terremoto l’ho vissuto anch’io

Attualità / BLOG / BUONANOTTE // Scritto da Vito Troilo // 23 novembre 2015

BLOG | Nel 1980 non ero nato ma quel terremoto l’ho vissuto anch’io


Blog Vito
Non ero ancora nato, nel 1980, ma non sarà certo questo a impedirmi di ricordare, ogni anno, la tragica ricorrenza del 23 novembre. Perché ho visto coi miei occhi, diversi anni dopo, quali conseguenze terrificanti, quali strascichi sul vivere quotidiano di quelle comunità ha lasciato il terremoto. Che purtroppo è persino sbagliato delimitare, evocandolo, alla sola Irpinia.

La passione per la pallacanestro e altre circostanze mi hanno portato a visitare, naturalmente, Avellino, del quale un amico, passeggiando fra lo stadio “Partenio” e il PalaDelMauro, nel lontano 1997, volle sottolineare con un’espressione colorita («È il pisciaturo d’Italia») la sua impressione che lì piovesse sempre; Potenza, vista per la prima volta già nel 1996; Balvano, una delle località più colpite dal destino sia in occasione del terremoto (77 morti) che del più grande disastro ferroviario italiano (quello del treno 8017 nel 1944: oltre 500 vittime), che nel 1999 era ancora semidistrutta. Ho visto San Gregorio Magno, Castelnuovo di Conza, Conza della Campania e Caposele (splendida sorgente dell’acquedotto pugliese). Ho osservato e non ho mai capito per quale motivo, a distanza di così tanto tempo, praticamente nulla, secondo i miei criteri personali di valutazione, fosse stato fatto per ricostruire seriamente quei posti.

La ricostruzione materiale dei luoghi, 35 anni dopo, è ormai impresa ardua e voglio sperare che siano più fortunati i terremotati de L’Aquila (e il pensiero corre alla pista d’atletica di piazza D’Armi, su cui ho passeggiato più volte per raggiungere il vecchio palasport) ma se penso a quelli dell’Umbria e delle Marche, agli alluvionati di Sarno e Soverato (altri posti visitati in cui il timore che alla prima pioggia venga tutto giù è fondato anche in chi, come me, ci ha trascorso poche ore) i miei buoni propositi, razionalmente, ritengo si andranno a far benedire. Nessuno (perché in Italia lo stato è nessuno) ha mai preso in carico la ricostruzione psicologica, dell’animo di quella gente: ho visto persone che le crepe di quella scossa del 1980 le portano tatuate sulla pelle, in volto, perché non riescono più a sorridere, a essere se stessi, a fare anche le cose più semplici abbandonando l’inevitabile sconsolatezza. Nessuno li ha mai aiutati. Un uomo solo, forse il più grande personaggio del ‘900 italiano, Sandro Pertini, ha lasciato alla mia generazione e a quelle che seguiranno uno dei discorsi più coraggiosi, forti, degni dell’enorme statista che fu: fatelo ascoltare ai più giovani (link).

Stamattina mi sono svegliato e nel consueto giro dei telegiornali locali mi sono imbattuto su una notizia letta dal bravo collega di Trm (Tele Radio Mezzogiorno), l’emittente lucana che da qualche settimana ha rilevato nella nostra zona il canale 16 di Blustar e che Dio solo sa quanto vorrei che esistesse qui, per l’ottimo lavoro che svolge per coprire l’informazione in Basilicata (polemiche sullo spot anti-xylella a parte, ma di questo forse scriverò in un appuntamento successivo del blog): a Bucaletto, quartiere periferico a est di Potenza, saranno consegnati 100 alloggi costruiti dall’Ater che saranno assegnati a 40 famiglie.

35 (trentacinque) anni dopo: ecco a cosa è ridotta la politica in Italia. Buonanotte.

Vito Troilo

Chi è Vito Troilo

Giornalista pubblicista. Caporedattore, oltre che responsabile della redazione sportiva, di Bisceglie in diretta. Si occupa di cronaca, attualità, politica e spettacoli oltre che di sport. È grande appassionato delle tematiche che riguardano l'Europa orientale. Ha praticato calcio, pallacanestro e atletica leggera, è stato allenatore e dirigente di pallacanestro. Ha cominciato a scrivere articoli all'età di 10 anni. Ha collaborato con diversi quotidiani, tv, radio e riviste specializzate. Ha realizzato centinaia di telecronache e radiocronache sportive. Cura uffici stampa e campagne promozionali.




Attualità / BLOG / BUONANOTTE // Scritto da Vito Troilo // 23 novembre 2015