BLOG | L’ombra del Nicotel cattivo pagatore sul bando per la concessione delle spiagge

Attualità / BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 28 luglio 2016

BLOG | L’ombra del Nicotel cattivo pagatore sul bando per la concessione delle spiagge


Mario
Gianni Casella è un commercialista in gamba. Non lo dico solo come suo personale amico ma riporto l’opinione generale di alcuni clienti del suo studio professionale. Quando parla di restringimento della tipologia di operatori economici che possono partecipare al bando per la concessione delle spiagge, sa di cosa parla e dunque chiede, non per contrapposizione ad una maggioranza amministrativa ormai inconsistente e inconcludente ma sulla linea del buon senso, di revocare e riscrivere quel bando.

Visto che le concessioni dunque sembrano riservate solo alle strutture turistico-ricreative come alberghi, motel, villaggi ecc. mi è venuto un dubbio e sono andato a leggere il bando. Il dubbio lo riporto di seguito con la premessa dei passaggi dello stesso bando.

Nel bando è scritto: “La stazione appaltante dimostri con mezzi adeguati che l’operatore economico si è reso colpevole di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia la sua integrità o affidabilità. Tra questi rientrano: le significative carenze nell’esecuzione di un precedente contratto di appalto o di concessione che ne hanno causato la risoluzione anticipata, non contestata in giudizio, ovvero confermata all’esito di un giudizio, ovvero hanno dato luogo ad una condanna al risarcimento del danno o ad altre sanzioni (…)

E ancora: “d) la partecipazione dell’operatore economico determini una situazione di conflitto di interesse ai sensi dell’art. 42, comma 2, non diversamente risolvibile“.

Il dubbio è: potrà avere una concessione il Nicotel cattivo pagatore che non paga il canone di concessione della piscina comunale da 5 anni per un debito di oltre 170000 euro e per il quale lavora Rachele Barra, uno degli assessori dell’amministrazione comunale?

Tanti biscegliesi hanno dovuto sopportare l’aumento spropositato delle tasse comunali, Tari in testa. Sarebbe antipatico constatare che grossi gruppi imprenditoriali non pagano il dovuto al comune e dal comune ricevono altri benefici come se nulla fosse accaduto.

Mario Lamanuzzi

Chi è Mario Lamanuzzi

Da oltre 25 anni si occupa di giornalismo locale. Cofondatore de "La Diretta", nel 1999 ha fondato “Bisceglie quindici giorni”, dirigendolo fino al 2003. Ha diretto, in passato, anche i portali Bisceglielive e Molfettalive.




Attualità / BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 28 luglio 2016