BLOG | Lo sprezzo del pericolo di uno “sfessòte”

BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 4 aprile 2017

BLOG | Lo sprezzo del pericolo di uno “sfessòte”


MarioCondurre una vita economicamente dispendiosa e al di sopra delle proprie possibilità, si sa, è una tendenza diffusa di famiglie e singoli. Bisceglie non fa eccezione.

L’unico dato che è stato possibile intercettare circa questa tendenza è quello che viene dall’osservatorio del sito specializzato Prestitionline sul credito al consumo. Non c’è il dato di Bisceglie, ma c’è quello della Bat. Un dato che supera la media nazionale di 11.478 euro dell’importo richiesto e che è anche oltre il periodo medio impiegato per l’estinzione: 84 mesi nella Bat contro i 60 di media in Italia.

Tra i racconti in mezzo alle Peroni ghiacciate e ai pezzi di focaccia della pizzeria La Madonna, non c’è solo quello di una riparazione violenta a un torto subìto come scritto l’ultima volta su questo blog, ci sono anche le immancabili corna incrociate di tanti probi cittadini e donne perbene, ma anche quelli che riguardano i soldi e “le bulle” (credo sia più biscegliese definirli così, che non “pacchi” o “bidoni”) che spesso ne derivano.

Il mio vecchio amico mi raccontò che aveva fatto credito ad un tale per quasi 10.000 euro. Non è mai riuscito a farseli restituire, e quando è andato a pretendere la giusta restituzione anche con le maniere forti, si è visto rispondere dal tale che si dimostrava ormai “sfessòte” e non in grado materialmente di onorare il debito: «Nan ténghe chiù neinde e nan te pozze dò neinde. Ce vou fò? Me vù accéde? E accideme!».

Naturalmente, il tale ancora campa e risulta in buona salute. In fondo non è sorprendente questo sprezzo del pericolo dello “sfessote” e il suo mostrare il petto alla soluzione finale. Se ci si indebita per una sontuosa prima comunione dei figli o per non rinunciare alla vacanza estiva, allora si perde l’esatto valore di tante cose, a partire dalla propria presenza terrena.

Un tale diceva: «Sono davvero ricco, quando il mio reddito è superiore alla mia spesa, e la mia spesa è uguale ai miei desideri». Persino l’aritmetica può aiutare a incontrare coscienza e dignità.

Mario Lamanuzzi

Chi è Mario Lamanuzzi

Da oltre 25 anni si occupa di giornalismo locale. Cofondatore de "La Diretta", nel 1999 ha fondato “Bisceglie quindici giorni”, dirigendolo fino al 2003. Ha diretto, in passato, anche i portali Bisceglielive e Molfettalive.




BLOG / U maere stè a Vescegghie? // Scritto da Mario Lamanuzzi // 4 aprile 2017